la leggenda della befana
la leggenda della befana

La leggenda della Befana: come nasce? Da dove arriva e perchè?

 

Per raccontarla dobbiamo tornare indietro di tanto, tanto tempo e abbiamo bisogno anche dei Re Magi e di Gesù Bambino.

Insomma è una storia che siamo certi, quasi tutti conoscono, ma qui oggi vogliamo fare una cosa diversa: raccontarvela in poesia e rigorosamente in milanese grazie al nostro Carletto Oblò.

Siete pronti?

La leggenda della Befana in milanese

Gh’è ona stòria ben lontana
che la dis de la Befana,
l’è ona stòria che fra cent
‘dèss ve cunti sul moment.

Tutti sann ch’el ses genar,
inscì disen, inscì par,
hinn rivaa con regai bèi
trii Rè Mag cont i camèi.

Cunta su poeu la leggenda
che la nòtt l’era tremenda
e dai pee, fin su ai orègg
se sentiva on gran frègg.

I Rè Mag, ch’eren giazzaa,
a ona vèggia hann domandaa
de podè vèss ospitaa
on moment per ciappà fiaa;

ma la vèggia, ‘me ‘n’arpia
con brutt fa ja casciaa via,
salvo poeu pentiss perché
l’ha savuu ‘doe andava i Rè.

La veggètta, ‘sta megera,
l’ha cercaa in ògni manera
de trovà i trii coi cammèi
per portà i ho bèi, oh bèi

al Bambin nassuu in la gròtta:
l’ha poduu fa pù nagòtta!
L’è per quèll che ancamò incoeu
la va in gir col cavagnoeu

a cavall d’ona ramazza
cont in tèsta ‘na scuffiazza,
la se fèrma a ògni camin
e la lassa a ògni bambin

in la calzètta per i pee
di bombon e di bellee
e la spera ancamò incoeu
de trovà l’asnin e ‘l boeu

e tra lor Gesù Bambin
per portagh on regalin

la leggenda della befana
la leggenda della befana

2 Commenti

Comments are closed.