fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Lago d’Idro, un gioiello incontaminato

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...

Lago d’Idro, bacino di origine glaciale situato nella provincia di Brescia a 370 metri di altezza, è il più alto lago lombardo. Le montagne circostanti raggiungono i 2000 metri di quota. Sul suo perimetro si affacciano Idro e le sue sei frazioni di Pieve Vecchia, Lemprato, Crone, Vesta, Vantone e Tre Capitelli.

Con i suoi 12 km di lunghezza e le sue acque cristalline che raggiungono la profondità massima di 122 metri, il Lago d’Idro è interamente balneabile ed è la meta ideale per gli appassionati di surf, vela, canoa e pesca.

A partire dal 16 a.C. la Val Sabbia, insediata in origine dai popoli Liguri e situata nella parte orientale della provincia di Brescia, andò sotto il dominio romano. Sul monte Censo nel XV secolo, durante la dominazione della Repubblica di Venezia, venne edificata la Rocca d’Anfo su una prima costruzione abbozzata dai Visconti nel ‘300. Di vedetta al confine militare tra la Repubblica di Venezia e il Principato Vescovile di Trento veniva usata come fortificazione militare. Successivamente, con Napoleone Bonaparte venne ampliata e rimaneggiata con gli interventi del Genio Militare Italiano.

Quando il Trentino venne annesso all’Italia nel 1919 la Rocca d’Anfo perse la sua funzione di baluardo rimanendo però sito militare fino al 1975. Oggi è possibile visitarne alcune parti su prenotazione accompagnati da guide. Se venite da queste parti consigliamo vivamente una visita in questo luogo, è un monumento davvero unico inserito in un contesto ambientale eccezionale.

Molto bello anche il paese di Bagolino, borgo medievale adagiato tra le montagne sopra al Lago d’Idro dove lungo le sue strade acciottolate si incontrano portici, ballatoi, tetti di ardesia e case adornate da inferriate in ferro battuto. In centro svetta l’antica chiesa di San Giorgio risalente al XII secolo dove si può ammirare l’illusione ottica di Tommaso Sandrini per cui l’altezza della navata appare raddoppiata. Bagolino è conosciuto anche per la produzione del bagoss, formaggio semigrasso a base di zafferano.

Il Lago d’Idro è il luogo ideale dove trascorrere qualche giorno di vacanza immersi nella natura incontaminata, un vero gioiello a un paio d’ore di auto da Milano. Non perdetevelo!

lago d'idro
lago d’idro

Leggi anche qui

Santa Maria dei Miracoli presso San Celso

Santa Maria dei Miracoli presso San Celso: siamo in corso Italia davanti ad una delle tante bellezze della nostra...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...