San Pietro in Gessate
San Pietro in Gessate

San Pietro in Gessate è di incerta attribuzione (a Guiniforte Solari o al figlio Pietro Antonio) e fu eretta nel 1447. La facciata attuale fu disegnata nel 1912 da Diego Brioschi che conservò solo il portone centrale. Siamo in centro ma complici i tanti uffici in zona, spesso qui si passa con troppa fretta, senza fermarsi un attimo e dedicarle la giusta attenzione.

 

Anche il campanile fu rifatto nel ‘900 abbassando quello barocco del 1640. L’architettura è articolata in tre navate con campate a pianta quadrata coperte da volte a crociera ogivali, affiancate da due file di cappelle a terminazione poligonale.

Il chiostro presenta colonne con capitelli dell’ordine dorico, del tipo non classico. I sostegni delle navate, al posto dei pilastri a fascio della tradizione gotica, sono costituiti da colonne corinzie in granito. San Pietro in Gessate riunisce una serie di importanti opere pittoriche del rinascimento lombardo, come alcune cappelle affrescate da Giovanni Donato Montorfano e soprattutto la cappella Grifi, decorata con le spettacolari Storie di Sant’Ambrogio da Bernardino Butinone e Bernardo Zenale.

Nella stessa cappella si può ammirare l’impressionante realismo della statua tombale con la rappresentazione scultorea del cadavere di Ambrogio Grifi (medico di corte, consigliere ducale e protonotario apostolico) committente degli affreschi. La tomba è opera di Benedetto Briosco, seguace dell’Amadeo.

Risale al 1514 un bell’affresco di Ambrogio Bergognone con il Funerale di San Martino, che però attualmente versa in precarie condizioni conservative.

Per visitare la chiesa, la fermata della metropolitana più vicina è San Babila (linea 1-rossa), ma potete raggiungerla anche in tram o come spesso diciamo facendo una bella passeggiata. Se siete in centro, la strada non è molta. E l’occasione di fare 4 passi vi darà modo non solo di arrivare qui, ma di incontrare lungo il cammino tante altre cose interessanti. Ad ogni modo, la chiesa è di fronte al palazzo di giustizia.

San Pietro in Gessate
San Pietro in Gessate
Articolo precedenteSan Michele al dosso
Articolo successivoTeatro alla Scala, un nome ereditato da una chiesa
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

1 commento