Spirito anti lombardo? Ma va! Non ci credo.

No, non servono le prove su facebook. Non servono a niente i commenti fotografati ed i tanti post nei quali si legge che i milanesi e lombardi non sono graditi in altre regioni.

Perchè la penso così? I motivi sono tanti e molti li ho vissuti anche sulla mia pelle. In primis, ricordatevi sempre che chi scrive queste cose è davanti ad una tastiera. Con il pc sono tutti dei leoni, poi dal vivo… Io sulle pagine di fb di Milano da Vedere ho ricevuto minacce di morte perchè avevo scritto che era stata un’emozione vedere le acque del Redefossi nuovamente prendere la luce del sole. Qualcuno ha scritto che avrebbe voluto vedere il mio cadavere in quelle acque. Avrei dovuto spaventarmi? Ma non scherziamo.

Ci sono stati altri casi (ed altri ce ne saranno) e alcune volte ho contattato la persona che era stata poco gentile. Risultato? Tante scuse.

Quindi davvero non credete a tutti quello che leggete. Oltre a rappresentare una minima parte del pensiero totale, quei messaggi sono frutto di poca consapevolezza ed ancor minor intelletto.

Poi, questo lo ribadisco, che ci sia invece gente che un po’ “goda” del fatto di vederci in difficoltà, questo può anche essere vero e ne avevo scritto su Mitomorrow a pandemia appena dichiarata. Ma si sa, i forti vanno invidia e c’è chi trova gusto nel vederli in difficoltà, non sapendo che sono proprio le difficoltà che rendono ancora più forti.

Personalmente non avrei problemi a girare per tutte quelle terre italiche che da sempre attirano i miei gusti e le mie curiosità. E sono certo del fatto che sarei accolto nel migliore dei modi, come sempre.

Piuttosto quello che ritengo davvero importante è che tutti, da sud a nord, si rimanga uniti e coesi per la ripartenza del nostro paese che ha bisogno di tutti, nessuno escluso.

spirito anti lombardo
spirito anti lombardo

 

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...