fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Parola del Petrarca: ecco cosa scrisse a Milano

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Parola del Petrarca: siamo ai tempi dei Visconti, di Giovanni per la precisione.

Francesco Petrarca rimase a Milano da 1353 al 1361: è proprio Giovanni Visconti che lo vuole qui e gli riserva anche il compito di suo consigliere ed ambasciatore. Nei suoi scritti il Petrarca dirà di amare ogni cosa di Milano, dai suoi abitanti alle case. Quando Giovanni Visconti morì nel 1354 fu proprio Petrarca a recitare l’elogio funebre.

Tra le cose che scrisse durante il suo soggiorno milanese, vi invitiamo a leggere quanto segue perchè non solo traspare in modo evidente il pensiero del poeta, ma anche una visione di Milano di quei tempi. Buona lettura

«Abito nell’estrema periferia occidentale della città, presso la Basilica di Sant’Ambrogio.

La casa è assai salubre, posta sul lato sinistro della chiesa; davanti a sé ha il pinnacolo plumbeo del tempio e le due torri della facciata; dietro guarda le mura della città, un vasto tratto di campi verdeggianti e le Alpi che appena trascorsa l’estate biancheggiano di neve.

Ma direi che il più dolce spettacolo che mi si offre è quello dell’altare, che io non presumo- come disse Seneca parlando all’Africano- ma so essere stato sepolcro di tanto uomo, e spesso, pieno di venerazione, contemplo nel marmo quasi viva e spirante la sua immagine, che dicono somigliantissima, sulle alte pareti.

Ciò basterebbe a compensarmi dell’essere venuto qui: mi è infatti impossibile descriverti la dignità di quel volto, la maestà di quella fronte, la serenità di quello sguardo; manca soltanto la voce perchè veda Ambrogio redivivo»

Parola del Petrarca
Parola del Petrarca

Leggi anche qui

Abbazia di Casoretto: Santa Maria Bianca della Misericordia

Abbazia di Casoretto, Santa Maria Bianca della Misericordia: fuori dalle mete turistiche, un altro pezzo d storia meneghina. Anche uscendo...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...