fbpx
32 C
Milan
mercoledì 3 Marzo

Lugano: cosa vedere quando la si visita per la prima volta

Prendere la macchina e fare una gita nei dintorni di Milano o addirittura in Svizzera. Quanto ci manca poter fare tutto questo in maniera...

Civico Museo Archeologico, prezioso scrigno di storia antica

Più letti

Lugano: cosa vedere quando la si visita per la prima volta

Prendere la macchina e fare una gita nei dintorni di Milano o addirittura in Svizzera. Quanto ci manca poter...

Campione d’Italia, una perla a meno di un’ora da Milano

Sono diversi i motivi per cui Milano tocca il cuore e non lo abbandona più. Tra questi, rientra la...

Una chiesa che… non se ne vuole andare

Siamo in via San Giovanni sul Muro: a poca distanza corso Magenta e, dalla parte opposta, Cairoli. Camminando lungo questa...

Civico Museo Archeologico, ospitato nell’ex convento del Monastero Maggiore di San Maurizio, si trova in corso Magenta, 15.

Sorge in uno dei luoghi più antichi di Milano dove, in epoca romana, si trovavano una Domus e le Mura Massimiane a poca distanza dal Circo Romano e dal Palazzo Imperiale.

Nel cortile interno del Civico Museo Archeologico si trova l’antica torre quadrangolare che, insieme ad un’altra oggi non più esistente, chiudeva il lato breve del Circo Romano. In origine era alta circa 20 metri poi, tra l’VIII e il IX secolo, venne rialzata e trasformata in campanile del Monastero Maggiore.

Per farsi un’idea più precisa di come fosse Milano in epoca tardo imperiale basta osservare il plastico posto nell’atrio dell’ingresso del museo: è una ricostruzione fedele della città antica nella Milano di oggi.

Nel 1808 al posto del Civico Museo Archeologico c’era il Gabinetto Numismatico di Brera poi sostituito, nel 1862, con il Museo Patrio Archeologico. Al suo interno tutti i reperti provenienti dai più svariati luoghi della città e raccolti presso la chiesa di Brera a partire dal 1799. Il governo costituì una commissione incaricata di scegliere i pezzi più rappresentativi da esporre.

All’interno del Civico Museo Archeologico si trovano le sezioni greca, etrusca, romana, barbarica e del Gandhara. Quella preistorica ed egizia sono invece conservate presso il Castello Sforzesco.

Tra i reperti più rappresentativi la Diatreta Trivulzio, una coppa di vino in vetro tra le meglio conservate al mondo e la splendida Patera di Parabiago, un piatto rituale in argento rappresentante il trionfo della dea Cibele. Ma anche la testa di Giove del I secolo e il tesoro di Lovere.

Nel chiostro interno sono collocate diverse stele funerarie romane ed anche i resti della domus romana. Ci sono poi i resti delle mura massimiane e la torre poligonale all’interno della quale si può ammirare ciò che rimane degli affreschi risalenti alla fine del XIII secolo.

Il Civico Museo Archeologico conserva parte delle radici che hanno dato vita alla Milano di oggi. Assolutamente da vedere!

Civico Museo Archeologico
Civico Museo Archeologico

Leggi anche qui

Milano diventa romana

La storia di Milano, terza puntata. Milano diventa romana: in seguito alla sconfitta di Annibale, la nostra città si...