Castello Sforzesco: quanto è bello, unico e meraviglioso? Siamo convinti che tutti i milanesi siano orgogliosi averlo in mezzo alla nostra città. Non trovate?

 

Ed è proprio per questo motivo che il nostro Castello Sforzesco tra le opere più conosciute, anche sotto il profilo storico. Da Francesco Sforza, colui che l’ha fortemente voluto e fatto costruire sulle rovine della precedente Rocca Giovia viscontea, a Leonardo da Vinci ed in seguito i tanti che hanno dominato Milano, ha sempre ricoperto un ruolo di primo piano.

castello sforzesco
castello sforzesco

Certo, Napoleone lo voleva abbattere anche grazie all’appoggio dei milanesi: simbolo del potere da secoli, stava davvero per essere abbattuto. La storia ci dice che per fortuna non andò effettivamente così, anche se “qualche pezzo” lo abbiamo in effetti perso in quel periodo.

Giriamo per il Castello Sforzesco

Girare per i cortili del Castello Sforzesco così nelle tante stanze, per non parlare poi del museo è veramente emozionante e siamo sicuri che tanti, tantissimi di voi conoscano questi spazi ed abbiate passate dei bei pomeriggi da queste parti. E’ per questo che qui vogliamo fari vedere qualche cosa di diverso che, se è vero che negli ultimi anni è stato “scoperto” da molti, ci sono ancora tante persone che non hanno provato l’ebrezza di scendere…sotto al Castello Sforzesco.

Potrebbe capitarvi di leggere da qualche parte che questi sono i passaggi segreti del Castello Sforzesco: no, nessun segreto. Erano le strade percorse dall’esercito per spostarsi da una parte all’altra, per controllare la situazione. Qui è ancora visitabile la stanza del Capitano e, sorpresa nella sorpresa, ad un certo punto potreste sentire un profumo particolare, che certamente non vi darà la sensazione di essere a Milano, eppure…

E’ una pianta di capperi, ancora lì al suo posto, dopo talmente tanti anni che… si è perso il conto!

Nessun mistero quindi: è un percorso fruibile a tutti (magari con scarpe da ginnastica ed una torcia). Siete pronti? Buon viaggio sotto il Castello Sforzesco!

 

Articolo precedente33 giri a Milano: per una volta noi stiamo fermi
Articolo successivoPiazzale Corvetto, una storia ligure
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

17 Commenti