Giorgio Gaber
Giorgio Gaber

Giorgio Gaber nasce a Milano il 25 gennaio 1939. Il vero cognome è in realtà Gaberščik, ed è originario di una regione del Goriziano Sloveno.

 

Diplomato in ragioneria, inizia a suonare nei locali milanesi a metà degli anni cinquanta, mentre frequenta la Bocconi. Suona rock e jazz insieme a Jannacci e Tenco. Si forma così come chitarrista e cantante nella Milano del dopoguerra. Il locale in cui iniziano a suonare, si narra fosse il Santa Tecla, a due passi dal campanile di San Gottardo in Corte. Da lì passano anche Adriano Celentano e Mogol, che gli offrirà il suo primo contratto discografico.

Negli anni ’60 la carriera di Giorgio Gaber decolla (nel 1962 incontra Ombretta Colli che sarà al suo fianco per quarant’anni) e diventa uno dei cantanti più richiesti, grazie ad uno stile tutto suo che prevede buona musica e testi ironici e malinconici. Va in televisione e inizia a cimentarsi anche come attore e la strada del teatro canzone sarà la sua nuova avventura a partire dagli anni ’70.

La prima rappresentazione milanese è quella al Piccolo teatro, in via Rovello nel 1971. La locandina citava “Il Piccolo teatro presenta Giorgio Gaber. Il Signor G“. Ed è proprio così che tutti lo ricordiamo: Giorgio Gaber è il Signor G.

La sua carriera proseguirà senza soste fino al 2001, anno in cui pubblica il suo ultimo album “La mia generazione ha perso“. “Io non mi sento italiano” è una pubblicazione postuma.

Giorgio Gaber si spegne infatti il 1 gennaio 2003 e il suo corpo riposa nel Famedio del Cimitero Monumentale

Articolo precedenteGiuseppe Garibaldi
Articolo successivoPaolo Maldini
Elisabetta Piselli
Amo da sempre le parole, mi piace sceglierle, dosarle e scriverle. Mi occupo di Digital Pr e Ufficio Stampa. Scrivo da anni sul blog di Milano da Vedere, dove amo raccontare le emozioni che mi trasmette la città. Scrivo anche su Mi-Tomorrow. Organizzo, per Milano da Vedere, l'evento Se Parla Milanes, che ogni anno diventa più grande e più bello...