Fondazione Prada va oltre la sede di largo Isarco 2. La sua storia è antecedente di ben 23 anni all’apertura delle sede milanese. Ma andiamo con ordine.

 

Presieduta da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, Fondazione Prada dedicata forze ed energie alla divulgazione dell’arte contemporanea. Dal 1993, anno della sua fondazione, ha organizzato mostre tra Milano e Venezia dal richiamo internazionale: Walter De Maria, Nathalie Djurberg, Anish Kapoor solo per citarne alcune.

Allo stesso tempo Fondazione Prada ha voluto dare visibilità a rassegne cinematografiche quali Italian Kings of the Bs. Storia segreta del Cinema Italiano 1949-1976 e Storia Segreta del Cinema Russo.

Dopo l’inaugurazione della sede di Venezia, il 9 maggio del 2015, a pochi giorni dalla partenza di Expo, ecco il nuovo spazio espositivo a Milano. Una sede che unisce spazi pre-esistenti con nuovo costruzioni: qui infatti ad inizi ‘900 avremmo trovato una distilleria.

Con oltre 19 mila metri quadri, la nuova sede milanese accoglie i visitatori con un’area dedicata ai bambini ed un bar che ci trasporta nell’atmosfera dei tipici caffè milanesi. La sensazione quando si entra per la prima volta è subito quella di…non sapere cosa aspettarsi: c’è infatti da sorprendersi molto quando si entra nella sede milanese di Fondazione Prada, a prescindere dal motivo per il quale si è venuti. Mostre e rassegne sono solo una parte di quello che si percepisce una volta varcata al soglia d’ingresso.

Tantissime le attività  proposte a Milano alla Fondazione Prada: il giorno dell’apertura Robert Gober e Thomas Demand realizzarono installazioni che dialogavano con le architetture industriali mentre Roman Polański presentò un documentario inedito.

Nel corso di questi anni sono state decine le presentazioni, le mostre e le attività qui proposte, da Atlante del gesto, Recto Verso, Flesh, Mind and Spirit, Goshka Macuga: To the Son of Man Who Ate the Scroll, L’image volée, Tv70: Francesco Vezzoli guarda la Rai, Leon Golub, H. C. Westermann e Famous Artists From Chicago. 1965-1975 per citarne solo alcuni dei titoli.

fondazione prada
fondazione prada