fbpx
32 C
Milan
domenica 24 Gennaio

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro di qualche minuto: sono talmente...

Politecnico di Milano: un primato che viene da lontano

Più letti

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro...

Palazzo Berri Meregalli, la magia dell’eclettismo milanese

Palazzo Berri Meregalli si trova all’angolo tra via Cappuccini e via Vivaio, non molto distante da Corso Venezia. E’ uno...

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...

Il Politecnico di Milano è un’università scientifico-tecnologica che forma ingegneri, architetti e designer.

Fondato il 29 novembre 1863 da Francesco Brioschi, si chiamava Regio Istituto Tecnico Superiore, si trovava nel Palazzo del Senato e contava 36 studenti. Oggi offre corsi di ingegneria, architettura e disegno industriale: in principio l’unica facoltà era quella di ingegneria.

Nel 1865 venne attivato il corso di laurea in architettura. L’ anno successivo la sede venne spostata al Palazzo della canonica in Piazza Cavour. Dovettero passare poco più di sessant’ anni prima che l’ateneo venisse trasferito nella sede attuale in piazza Leonardo da Vinci in Città Studi.

Politecnico di Milano ed il premio Nobel

Nel 1953 viene inaugurato il primo centro di calcolo dell’Europa continentale. Dieci anni più tardi il professore di chimica industriale Giulio Natta, grazie ai suoi studi sulle materie plastiche, ricevette il premio Nobel. Il Politecnico di Milano vanta una collaborazione importante con Telespazio e Telettra grazie a cui nel 1977 viene messo in orbita il satellite Sirio.

L’ateneo ha due sedi principali: una in Città Studi e l’altra in Bovisa a cui fanno capo le strutture decentrate di Lecco, Como, Cremona, Mantova, Piacenza e Shanghai.

Nel 2000 nasce la Facoltà di design diventata poi Scuola del design e quattro anni dopo, grazie alla collaborazione con il Politecnico di Torino nasce l’Alta Scuola Politecnica.

Quali sono i dipartimenti del Politecnico per tutti “Polimi“?

Architettura e studi urbani, Architettura ingegneria delle costruzioni e ambiente costruito, Chimica materiali e ingegneria chimica, Design, Elettronica informazione e bioingegneria, Energia, Fisica, Ingegneria civile e ambientale, Ingegneria gestionale, Matematica, Meccanica e infine Scienze e tecnologie aerospaziali.

Altrettanto vero ed anche un po’ curioso che la ricerca più diffusa sui motori di ricerca è “politecnico di milano ingegneria

Prima di concludere poniamo un attimo l’attenzione sul logo del Politecnico di Milano: è una rappresentazione stilizzata di un particolare dell’affresco vaticano La Scuola di Atene di Raffaello che ritrae Euclide intento a dimostrare agli allievi che lo circondano, un teorema geometrico con l’aiuto di un compasso.

politecnico di milano
politecnico di milano

Leggi anche qui

Traghetto di Leonardo, che genialata!

Traghetto di Leonardo, antica imbarcazione fluviale esistente oggi in soli due esemplari, di cui una si trova sull’Adda e...