fbpx

Cadè, camicie e cravatte in Galleria

Più letti

Cadè: tutti ci siamo fermati almeno una volta ad ammirare i colori delle cravatte esposte nella vetrina in Galleria.

La storia di questa bottega comincia nel 1926, quasi 100 anni, quando avremmo trovato due negozi: uno esattamente dove ancora oggi lo vediamo e l’altro poco distante in piazza Duomo al numero 17.

L’attività è stata fin dall’inizio, caratterizzata dalla vendita di camicie e cravatte da uomo, anche se nel corso degli anni altri prodotti hanno affiancato i due principali.

Specializzati nei prodotti per uomo, fin dalla nascita Cadè sceglie la camicia, uno dei capi più importanti che nel periodo barocco vide l’arrivo del suo complemento naturale, la cravatta.

Simbolo indiscusso dell’eleganza maschile, esistono 85 tipi di nodo differenti per annodarla. Quello denominato Windsor, ci spiegano da Cadè, rimane insuperabile come raffinatezza ed eleganza.

Come non ricordare Lord Brummel: camicia bianca e nodo perfetto.

Dopo la seconda guerra mondiale infatti vennero introdotti pullover e foulard oltre alla realizzazione di camicie su misura: ne è prova un piccolo ed efficiente laboratorio ancora visibile sul retro del negozio.

L’attività si sviluppò anche in altri punti vendita, in corso Buenos Aires ed in Paolo Sarpi, tutti con le stesse caratteristiche. In seguito fu deciso di concentrare tutta l’attività ed il marchio ormai conosciuto in tutta Milano e non solo, in un unico punto vendita, quello appunto in Galleria.

Camicie, cravatte e tutti gli altri prodotti vengono confezionati da aziende italiane scelte con cura dallo staff Cadè, al fine di mantenere sempre ai massimi livelli la qualità conosciuta ed apprezzata dai tanti acquirenti.

Se siete in centro, fate un salto in questa bottega storica: troverete certamente quello che fa per voi e, se non avete bisogno di camicie o cravatte, fermatevi lo stesso a fare quattro chiacchere: c’è sicuramente una bella storia da ascoltare.

cadè
cadè

Una cravatta ben annodata è il primo passo serio nella vita (Oscar Wilde).

 

Ultime

Profondamente Umano: scatti d’autore e realtà aumentata per chi non può parlare

Il 1° dicembre si svolge al  BASE Milano l’evento Profondamente Umano promosso dal Centro Benedetta D'Intino,  occasione in cui prende vita per la prima volta nel capoluogo lombardo un’installazione...

Potrebbe interessarti