Cascina Campazzo. Ci troviamo nel Parco Agricolo del Ticinello, area sud di Milano nei pressi del quartiere di Gratosoglio.

 

Le origini della cascina, secondo l’opinione di alcuni storici, risalgono tra la fine del ‘300 e l’inizio ‘400 quando, a seguito dell’ampliamento della rete irrigua, fu possibile coltivare aree più estese di terra. Con la tecnica del prato marcitorio prese piede la coltivazione del foraggio.

Secondo il Catasto Teresiano la Cascina Campazzo, nell’anno 1722, aveva una forma a L. Sul finire del ‘700 vennero fatti progressi nelle tecniche produttive con la diffusione della coltivazione del mais, della canapa, del gelso, del riso e con la rotazione delle coltivazioni. Nel 1816 venne portata a compimento la costruzione del Naviglio Pavese e, grazie a questo, le terre circostanti divennero più fertili e produttive.

Nel 1812 l’ecclesiastico Antonio Luigi De Carli era il proprietario della Cascina Campazzo e qui vi fece costruire una cappella dedicata a Sant’Ignazio. Tra il 1830 e il 1850 l’edificio venne ampliato e prese la conformazione tipica delle cascine della bassa pianura padana ottocentesche che è quella tuttora esistente. Una grande aia rettangolare sul cui perimetro sorgono le case dei fittavoli, il forno, le stalle, i magazzini, la chiesetta e le case a ringhiera dei salariati.

Al di fuori del muro di cinta e accostato alla casa padronale c’è un bellissimo giardino che si protrae fino alla roggia Scarpogna che denota l’elevato ceto sociale delle famiglie proprietarie della Cascina Campazzo nel corso del ‘600 e del ‘700.

Dal 1952 la cascina è gestita dall’Azienda agricola Falappi che si è dedicata alla produzione del latte e alla coltivazione del foraggio per sfamare le 130 mucche presenti. La Cascina Campazzo è visitabile.

Da vedere, sicuramente, il piccolo oratorio ma anche il forno ellittico restaurato che è in funzione tutti i giorni. Infine, un’informazione che potrebbe piacervi: tutti i giorni è in funzione un distributore automatico che eroga latte fresco e naturale da consumare crudo. Chissà che bontà!

cascina campazzo - foto archivio comitato ticinello
cascina campazzo – foto archivio comitato ticinello