Impara da ieri. Vivi l’oggi. Leggi il domani.

Impara da ieri. Vivi l’oggi. Leggi il domani. Leggi Mi-Tomorrow.

 

Mi scuserà Charles M. Schulz se mi son permesso di prendere una sua frase ed adattarla per l’occasione, ma in poche parole rende bene l’idea di quanto c’è dietro Mi-Tomorrow.

Sono quasi due anni che conosco, collaboro e lavoro con la squadra di Mi-Tomorrow. Ho conosciuto le due “menti” che hanno creato questo giornale in occasione di Se Parla Milanes 2017. Se i tempi non vi tornano, sappiate che è normale: prendere appuntamento con loro (con uno dei due in particolare, ma vi lascio nel dubbio) ha comportato un’attesa di qualche mese, da settembre a gennaio. Avevo chiamato solo per ringraziarli della bellissima copertina che ci avevano dedicato e da lì è cominciato tutto.

In tutti questi mesi, abbiamo parlato, cambiato, sistemato, rivisto, scherzato. Ci siamo confrontati, scontrati. Ma sempre con un obiettivo comune: far crescere sempre di più Mi-Tomorrow.

E questa mattina mi comunicano che da oggi sarà in onda sui canali Sky la loro pubblicità. Un risultato meraviglioso, che mi rende anche orgoglioso. Orgoglioso di far parte, seppure da esterno, di una squadra che ha sempre voluto il meglio e non si è risparmiata mai, nemmeno le domeniche, i festivi e durante le vacanze.

E la cosa che mi rende ancora più felice è la consapevolezza che questo non è un punto di arrivo, ma una nuova partenza: all’orizzonte, lo so bene, nuove idee, nuovi progetti e nuovi stimoli. D’altro canto manca poco più di un mese ad un nuovo anno che vedrà, ne sono certo, nuovi obiettivi da raggiungere.

Voglio però godermi questa notizia. Giusto qualche minuto: il tempo di finire questo pezzo e poi risponderò ai messaggi che nel frattempo i ragazzi di Mi-Tomorrow mi stanno mandando: una nuova idea da discutere. Come volevasi dimostrare.


E su Mi-Tomorrow ci siamo anche noi! Tutti i lunedì l’editoriale “Le Milanesi” è scritto da Elisabetta. Ogni due settimane una pagina intera curata da noi con un itinerario, un luogo, una bottega storica e un modo di dire in milanese.

Per chi non avesse Sky, all’inizio di questa pagina è possibile vedere lo Spot cliccando sulla freccia in mezzo all’immagine.
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...