ferramente bocchiola
ferramente bocchiola

Se non siete pronti ad emozionarvi, non entrate nella ferramenta Bocchiola. Qui il tempo si è fermato ed il tuffo al cuore nel rivedere oggetti e mobilia è davvero grande.

Siamo in via Prospero Finzi e appena entrati non possiamo non fermarci ad ammirare gli scaffali pieni di cassetti con viti, tasselli e dai. I mobili sono quelli di allora, usati certamente ma con il fascino della vecchia Milano che ritroviamo anche nel pavimento.

Tutto inizia nel 1920 quando Pierino Didoni apre qui la sua ferramenta e la gestisce per oltre 30 anni. Pierino è legato indissolubilmente a questa zona: è infatti tra i primi a soccorrere bambini ed insegnanti durante uno dei bombardamenti più crudeli della seconda guerra mondiale. Siamo infatti vicini a quel luogo che oggi chiamiamo “i Martiri di via Gorla”.

Nel 1953 l’attività passa al socio Luigi Bocchiola che gestirà la bottega con la stessa passione del suo predecessore, fino al 2014 quando viene ceduta a Pietro Panetta e Silvana Massignan, attuali gestori, che a loro volta lasciano immutate le caratteristiche della bottega, tanto da ritrovare non solo l’insegna Bocchiola ma anche, l’ombra di quelle precedente.


www.milanodavedere.it

www.facebook.com/milanodavedere

 

 

Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...