fbpx

Pizzeria di Porta Garibaldi, un trancio storico

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...
- Advertisement -
- Advertisement -

Pizzeria di Porta Garibaldi: qui non si mangia un semplice trancio, qui la storia accompagna ogni boccone.

Dobbiamo tornare nel 1956 per vedere Gioiella e Dino Giuntoli, toscani d’origine, aprire per la prima volta la Pizzeria di Porta Garibaldi. E l’inizio è un “classico” del periodo per chi veniva da altre regioni: si vendevano prodotti tipici toscani, vino, olio e salumi.

Di lì a poco decisero di aggiungere al “menù” anche la pizza, ovviamente come la si mangiava in Toscana: alta e croccante, usando la loro materia prima sempre freschissima.

Il successo fu immediato e da allora, quanti tranci sono usciti da quei forni! Oggi, a pochi passi da Gae Aulenti e ancora meno dalla Porta Garibaldi che hanno anche nel nome, in quel di corso Como si mangia la pizza fatta come allora, con la stessa passione e lo stesso impegno. Quotidiano.

Qui ogni giorno si riesce, magari giusto il tempo di un trancio, a fare un tuffo nella storia non solo della Pizzeria di Porta Garibaldi, ma di tutta Milano.

La tradizione che qui si respira non è stata scalfita dai passaggi generazionali, anzi! La famiglia Giuntoli, sempre in prima fila, da oltre 60 anni regala ai clienti, milanesi e non, il gusto e la passione per il buon cibo.

Alla Pizzeria di Porta Garibaldi il trancio di pizza è una cosa seria, da gustare con gioia.

Pizzeria di Porta Garibaldi
Pizzeria di Porta Garibaldi