fbpx
32 C
Milan
martedì 20 Aprile

Bar Magenta: unico ed insostituibile

Più letti

Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Bar Magenta: 113 anni e non sentirli.

Le lancette dell’orologio devono infatti tornare indietro al 1907, anno dell’apertura di questo luogo simbolo della nostra città.

All’angolo tra via Carducci e corso Magenta, per la precisione in largo d’Ancona, nome sconosciuto ai più, ecco quello che non è un bar, non è un pub, non è un locale, ma è per tutti sempre e solo il Bar Magenta.

In tanti anni da qui sono passati davvero tutti: meta di studenti della vicina università, dagli intellettuali ai turisti, passando per gli uomini d’affari alle modelle ed i modelli. Un locale per tutti, nessuno escluso.

E proprio per far stare bene tutti, la programmazione degli eventi al Bar Magenta è sempre varia: musica dal vivo, mostre fotografiche, incontri e tanto altro. Lo stile del locale, unico ancora una volta, si adatta perfettamente ad ogni situazione e l’arredo liberty fa bella mostra di sè sempre e comunque.

Il Bar Magenta è davvero una istituzione a Milano: bellissime le foto in bianco e nero che spesso si vedono sul web, che raccontano una città che non c’è più, ma con lui,  il nostro bar Magenta, sempre presente.

Ed a proposito di cose che non ci sono più: provate ad immaginare, la prima volta che passate da quelle parti, di essere appena fuori dal locale, magari con il bicchiere in mano e fermarmi quasi come se voleste attraversare sulle strisce via Carducci: chiudete gli occhi, state fermi e riapriteli immaginando di avere davanti a voi non la strada ma l’acqua.

Sì, qui, proprio qui, una volta scorreva il Naviglio di San Gerolamo. Altri tempi, vero, ma bello ricordarli anche in questa occasione.

E sempre di storia parlando, anche se più recente, proprio al Bar Magenta Adriano Celentano ha ambientato una scena del film Asso. Ve lo ricordate?

Ascolta il podcast!
Ascolta “Bar Magenta, via Carducci 13” su Spreaker.

bar magenta
bar magenta

Leggi anche qui

Memoriale della Shoah, per non dimenticare

Memoriale della Shoah è un luogo che tutti dovrebbero vedere. Si trova proprio dentro la stazione centrale. O per meglio...