Palazzo Gonzaga - foto di Paolobon140
Palazzo Gonzaga - foto di Paolobon140

Palazzo Gonzaga: saremmo in quella che un tempo chiamavamo via San Gerolamo, oggi via Carducci.

 

Potrebbe sembrare più antico, ma questo palazzo venne costruito alla fine del 1800 dall’architetto Arpesani su richiesta del principe Emanuele Gonzaga di Vescovato.

Il nome di questo architetto dovrebbe esservi familiare: fu lui infatti a costruire, tra gli altri, la chiesa di Santa Croce, la basilica di Sant’Agostino e palazzina Sessa.

Per costruire il palazzo vennero distrutte una serie di case e di costruzioni usate prevalentemente come magazzini: qui di fronte infatti scorreva il Naviglio.

Le richieste del principe erano chiare: il palazzo doveva avere appartamenti d’affitto e lo stile doveva essere neoromanico lombardo cercando di riprendere il più possibile le forme della basilica di Sant’Ambrogio poco distante.

E le sue istruzioni sono state seguite: passando lungo via Carducci Palazzo Gonzaga non passa certo inosservato con la sua cancellata in ferro battuto, il mattone in cotto e l’ingresso con portineria ci potrebbe far pensare di entrare in una chiesa.


www.facebook.com/milanodavedere

Articolo precedenteGiuseppe Frua – da Legnano a Milano
Articolo successivoSenso civico? Ne basterebbe un poco
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...