fbpx
32 C
Milan
venerdì 22 Gennaio

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma è dietro l'angolo della storia....

Hangar Bicocca: un po’ di storia e un po’ d’ arte

Più letti

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...

Battistero di San Vittore ad Arsago Seprio

Anche la Lombardia ha il suo campo dei miracoli. Alla meraviglia del rinascimento pisano, la nostra regione contrappone il...

Vermezzo con Zelo, un comune giovanissimo

Vermezzo con Zelo è un comune della provincia milanese situato nell’area sud ovest nei pressi di Abbiategrasso.Si tratta di...

Hangar Bicocca. Basta dire questo per richiamare alla mente uno spazio espositivo dedicato all’arte moderna e contemporanea a Milano.

Ci troviamo in un’area di 15.000 metri quadrati dove trovano una collocazione le opere d’ arte di importanti artisti italiani ed internazionali in perfetta simbiosi con l’architettura dell’edificio che le ospitano.

Se osserviamo il fabbricato intuiamo subito che ha le fattezze di uno stabilimento industriale. E infatti questo era. La sua storia è legata alla Breda che nel 1903 si stabilisce nel quartiere Bicocca. Nel tempo diventerà uno degli stabilimenti industriali più importanti in Italia. Anche Pirelli, Falck e Marelli si stabilirono in quest’area. Parliamo di una superficie immensa di 200.000 metri quadrati.

Pirelli Hangar Bicocca era uno degli stabilimenti ed era costituito da tre diverse tipologie di corpi di fabbrica. Uno di questi era lo ”Shed” dove venivano prodotti i componenti per locomotive e macchine agricole. Se osservate l’edificio lo individuate subito: mattoni a vista, altezza ridotta, tetti a doppio spiovente e ampi lucernari.

L’edificio espositivo oggi chiamato Cubo risale al 1955 e fu fatto costruire da Breda Elettromeccanica e Locomotive per ampliare i propri spazi.

Tra il 1963 e il 1965 viene infine costruito un nuovo fabbricato adibito al reparto trasformatori che univa lo Shed al Cubo. Oggi è chiamato “Navate”. Anche qui parliamo di uno spazio molto grande: 9.500 metri quadrati per un’altezza di 30 metri. L’ edificio è costituito da tre navate.

In una di queste si trova una suggestiva opera dell’artista tedesco Anselm Kiefer intitolata I Sette Palazzi Celesti. E’ un’installazione permanente presente dal 2004. Per l’artista queste costruzioni sono oggi il simbolo della sconfitta dell’uomo nella sua ambizione a elevarsi a creatore.

Pirelli Hangar Bicocca è una fondazione no-profit. L’accesso alle mostre e allo spazio è completamente gratuito. Ogni evento espositivo viene abbinato ad approfondimenti e a manifestazioni collegati ad esso.

Hangar Bicocca
Hangar Bicocca

Leggi anche qui

1927 nasce l’Avis

1927 nasce l'avisAssociazione Volontari Italiani del Sangue: la conosciamo come AVIS. Nasce a Milano nel 1927 da una idea...