fbpx
32 C
Milan
giovedì 6 Agosto

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente ed arrivare ad un certo...

Marcantonio Dal Re, incisore bolognese a Milano

Più letti

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente...

Simone Lunghi: Milano città d’acqua. Sognando Milano

Simone Lunghi a Milano lo conoscono un po’ tutti. Magari non per nome, ma in città la storia di...

Brescia, Palazzo della Loggia

Eccoci a Brescia per conoscere meglio il Palazzo della Loggia.  Si affaccia sulla piazza a cui da ovviamente il...

Marcantonio Dal Re, incisore, calcografo ed editore di stampe è ricordato per l’importante eredità lasciata dalle sue opere grazie a cui è stato possibile visionare nei dettagli molte chiese, conventi, edifici pubblici e palazzi patrizi della Milano di epoca spagnola.

Nato a Bologna nel 1697 si trasferì dapprima a Cremona, dove si impratichì come incisore, e poi a Milano con l’ambizione e l’intenzione di illustrare le bellezze della Lombardia. Si stabilì in Piazza Mercanti nella Loggia degli Osii dove aprì una scuola gratuita di incisione e disegno e, considerando il suo studio ad uso pubblico si sentì in diritto di non pagare più l’affitto dei locali, avendo oltretutto provveduto a proprie spese a portare delle migliorie alla Loggia.

Marcantonio Dal Re produsse diversi tipi di lavori tra cui una serie di stampe a commento degli avvenimenti di cronaca e storia, delle cerimonie milanesi, ritratti, carte geografiche, planimetrie di città, vignette per libri. Due sono le sue opere più importanti: un album di 88 Vedute di Milano e due raccolte di Ville di Delizia.

Le Vedute di Milano sono delle tavole che ritraggono chiese, conventi, edifici pubblici palazzi patrizi della prima metà del ‘700 e che riportano anche scene che ci rivelano usi e costumi dell’epoca. Le due raccolte di Ville di Delizia furono un lavoro molto impegnativo e Marcantonio Dal Re le pubblicò in due momenti diversi della sua vita.

La prima del 1726, dedicata al Principe Eugenio di Savoia è composta da 53 tavole illustranti otto ville. La seconda, del 1743 è composta da 88 tavole illustranti dodici ville. Stiamo parlando di un lascito importante, grazie al quale è stato possibile conoscere nei dettagli molte ville andate incontro al degrado dove non solo è finemente illustrata l’architettura degli edifici ma anche gli ambienti interni, gli arredi e i giardini.

Inoltre Marcantonio Dal Re rappresentò le feste e gli artisti che si esibirono al Teatro Ducale ritraendo cantanti, attrici e ballerine in scena. Raffigurò cerimonie, feste, esequie di sovrani non tralasciando la fastosità degli apparati. Fu lui a creare la prima stampa della pianta di Milano con l’antica denominazione delle vie della città.

Marcantonio Dal Re morì a Milano nel 1766. La maggior parte delle sue incisioni si trovano nella Civica Raccolta delle stampe Bertarelli presso il Castello Sforzesco.

Leggi anche qui

Casa Radice Fossati, dal ‘200 al suo posto

Casa Radice Fossati è in via Cappuccio al numero 13.   Una volta questa era la Contrada dei Nobili: il nome...

Simone Lunghi: Milano città d’acqua. Sognando Milano

Simone Lunghi a Milano lo conoscono un po’ tutti. Magari non per nome, ma in città la storia di questo ragazzo che recupera le...

Brescia, Palazzo della Loggia

Eccoci a Brescia per conoscere meglio il Palazzo della Loggia.  Si affaccia sulla piazza a cui da ovviamente il nome, dominandola in dimensioni ed...