fbpx
32 C
Milan
mercoledì 12 Agosto

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il cui significato è pianta di...

Tinca al Forno, De.Co. del bresciano

Più letti

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio,...

Tinca al forno, ricetta tipica del bresciano, è un piatto dalla lunga tradizione che si usa preparare nel mese di luglio a Clusane, sul Lago d’Iseo. La tinca è un pesce d’acqua dolce di colore verde scuro e dalla carne saporita. Con essa si prepara questo piatto delizioso di cui subito vi sveliamo la ricetta.

Per quattro persone occorrono:
4 tinche da 300/400 etti cad.
100 gr di burro
200 gr di pangrattato
Un ciuffo di prezzemolo
200 gr di grana padano 24 mesi
Spezie macinate (pepe, cannella, alloro, noce moscata, chiodi di garofano)
Olio extra vergine di oliva
Uno spicchio d’aglio
Sale
Acqua

L’ideale per un’ottima tinca al forno è acquistare del pesce appena pescato. Dopo un paio d’ore incidete le tinche dalla testa alla coda per il lungo, sfilate la lisca e sciacquatele abbondantemente sotto l’acqua corrente per almeno un paio di minuti onde evitare di sentire un sapore fangoso (dato dalle abitudini alimentari del pesce) quando le gusterete. Preparate il ripieno tritando il prezzemolo e l’aglio, poi unitelo al pangrattato, il grana padano, tutte le spezie e un po’ di sale. Amalgamate e farcite le tinche. Con la farcitura che avanza passate esternamente i pesci facendo una sorta di impanatura. Adagiate in una pirofila di terracotta ricoperta di foglie di alloro unte di olio e burro.


Cospargete i pesci con sale e spezie, distribuite dei pezzetti di burro sulle tinche, irrorate con un filo d’olio e aggiungete un mestolo di acqua. Accendete il forno a 220° e, quando sarà ben caldo, infornate. Lasciate cuocere per circa 1 ora bagnando ogni tanto i pesci con un po’ del loro intingolo, senza mai rigirarli. Passato il tempo necessario sfornate e adagiate su un piatto. Servite con un bel mestolo di polenta fumante dove, dopo aver fatto un’impronta con il dorso di un cucchiaio, metterete il delizioso intingolo. Tinca al forno pronta! Buon appetito!!

Articolo precedenteDove siamo
Articolo successivoMarcantonio Dal Re, incisore bolognese a Milano

Leggi anche qui

Sant Antòni del porscèll

Sant Antòni del porscèll, ch’el sonava el campanèll, el campanèll el s’è s’ceppaa, Sant Antòni l’è scappaa, l’è scapaa dedree ‘na pòrta, gh’era là...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se perdo la caparra. Non ho...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio, spiegando che ad esempio, grazie...