fbpx
32 C
Milan
sabato 6 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

Mostarda, una piccante dolcezza!

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...

Mostarda, ecco una ricetta tipica delle festività natalizie dalle note dolci e piccanti. Si tratta di una preparazione tipica di Cremona che, con alcune varianti, viene proposta anche a Mantova e Voghera oltre a certe zone del Veneto, del Piemonte, dell’Emilia-Romagna e della Toscana.

La Mostarda non è altro che una conserva di uno o più tipi di frutta trattata con zucchero o miele insieme alla senape o al mosto. L’origine della ricetta affonda le radici nei tempi antichi quando i Romani usavano conservare la frutta con il mosto cotto. L’introduzione della senape risale al Medioevo o al Rinascimento, probabilmente per opera degli speziali.

Nel 1397 Gian Galeazzo Visconti dopo averla assaggiata ne loda la bontà in una lettera inviata al Podestà di Voghera. I monaci erano soliti conservare la frutta per lunghi periodi trattandola con miele e senape.

Vediamo la ricetta della Mostarda di Cremona la cui preparazione è lunga ma alquanto semplice. Il risultato è davvero ottimo, le preparazioni artigianali hanno sempre quel quid in più. Ecco cosa occorre:

Mele 100 gr
Mandarini 100 gr
Arance 50 gr
Pere 100 gr
Ciliegie 100 gr
Fichi 50 gr
Albicocche 100 gr
Pesche 100 gr
Ananas 100 gr
Zucchero 400 gr
Essenza di senape 10-15 gocce

Lavate la frutta ed eliminate i noccioli dove presenti. Tagliate a pezzi l’ananas, la mela, la pera, l’arancia e la pesca e mettetela con il resto della frutta in una terrina insieme allo zucchero. Mescolate e lasciate macerare per 24 ore.

Ponete la frutta in una casseruola insieme a due dita d’acqua, mettete sul fuoco e fate bollire per 5 minuti. Lasciate riposare per 24 ore. Di nuovo aggiungete due dita d’acqua e fate bollire per 5 minuti. Fate riposare per altre 24 ore e ripetete una terza volta l’operazione.

Aggiungete l’essenza di senape, mescolate e mettete nei vasetti per la conserva. Se non consumate subito mettete la mostarda sotto vuoto.

Ottima con il bollito misto si abbina bene anche con i formaggi stagionati. Buona degustazione!

mostarda - foto di buonissimo.it
mostarda – foto di buonissimo.it

Leggi anche qui

Giovannino De’ Grassi un artista stimato

Giovannino De’ Grassi è stato uno scultore, un pittore, un architetto e un miniatore. Sull’anno della sua nascita non ci...