fbpx
32 C
Milan
sabato 6 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

Oltre mezzo secolo dopo, forse è arrivato il suo momento

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Ci siamo passati davanti migliaia di volte. L’abbiamo ripresa, fotografata, raccontata.

Siamo in una delle zone che qualche decennio fa (facciamo un centinaio, va!) era davvero uno spettacolo. Oggi ci si passa davanti veloci, non ci si sofferma più di tanto a guardare.

Siamo a poche centinaia di metri da Cordusio, in quell’incrocio che ha il nome di Cinque Vie, come una targa messa forse un po’ troppo in alto ricorda.

Qui, non unico esempio, possiamo vedere ancora oggi quello che le bombe della seconda guerra mondiale hanno distrutto. Non è un modo di dire: è poco più di un’ombra di una palazzina sventrata dalle bombe sganciate dagli aerei alleati, si può vedere, come da foto qui sotto.

E fino ad oggi, siamo seppur da poco nel 2021, la situazione è rimasta immutata. Ogni tanto “sembrava che“, ma no, tutto fermo come nel 1944. E diverse volte, lo ricordo bene, qualcuno ci ha chiesto il perchè.

I motivi sono tanti, diversi, anche se non ci piace fare di tutta un’erba un fascio, possiamo dire che solitamente le problematiche più frequenti sono riconducibili a liti familiare, eredità & co.

Ecco, da quello che abbiamo letto, sembrerebbe che sia arrivato finalmente anche il suo momento. Questo pezzo di Milano, proprio dietro San Sepolcro, in una posizione che più centrale è quasi impossibile, dovrebbe tornare ad avere un aspetto normale. Ci sono alcuni rendering che stanno girando in rete e nei prossimi giorni vi racconteremo di più

Quello che però è la notizia è già di per sè interessante. Non vediamo l’ora di vedere cosa ci sarà da quelle parti

Oltre mezzo secolo dopo
Oltre mezzo secolo dopo

 

 

 

Leggi anche qui

Cascina Guzzafame, facciamo un giro in campagna

Cascina Guzzafame si trova dalle parti di Gaggiano, nella frazione di Vigano Certosino. E’ un casolare antico risalente al...