fbpx

Torre Faro: nome pronto, il progetto può partire

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Torre Faro: il soprannome è già pronto. Come da abitudine meneghina, prima ancora di vederla dal vivo le abbiamo affibbiato un nomignolo.

Ad ogni modo, c’è il via libera per la costruzione di questo nuovo grattacielo di 145 metri, il cui progetto è degli architetti Citterio e Viel. Dopo l’ok della commissione Paesaggio è arrivato anche quello del Municipio 5: quest’ultimo insieme al Comune, ha chiesto che ci sia una riqualificazione della zona di piazza Trento, luogo dove sorgerà la Torre Faro.

Dai rendering che già circolano in rete si nota una certa somiglianza con Porta Nuova. Maran ha detto: “Se ripensiamo a quello sviluppo credo che gli aspetti più significativi per città siano stati quelli relativi allo spazio pubblico: piazza Gae Aulenti, la Biblioteca degli alberi oltre all’eco che queste trasformazioni hanno avuto sull’Isola“.

Per quel che riguarda quindi la zona di piazza Trento, bisognerà pensare ad un collegamento tra la piazza e via Crema: ci saranno momenti di confronto con due soluzioni al momento allo studio.

Il nome già lo abbiamo, ora non ci resta che passare da quelle parti per vedere, come sempre, i lavori e la crescita del nuovo grattacielo.

torre faro
torre faro