fbpx
32 C
Milan
sabato 6 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

D di danee e di dedree

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...
Elisabetta Piselli
Elisabetta Piselli
Amo da sempre le parole, mi piace sceglierle, dosarle e scriverle. Mi occupo di Digital Pr e Ufficio Stampa. Scrivo da anni sul blog di Milano da Vedere, dove amo raccontare le emozioni che mi trasmette la città. Scrivo anche su Mi-Tomorrow. Organizzo, per Milano da Vedere, l'evento Se Parla Milanes, che ogni anno diventa più grande e più bello...

Milanesando con la “D” di “Danee” (come non parlarne vivendo in questa città tanto cara), Dedree” (che è stranamente molto meno volgare dell’italiano), “Did” e “Drizza” (in caso a qualcuno capitasse di imbattersi in un milanese chiedendo indicazioni stradali…).

Buona lettura.

Danee: soldi.
Milano è una città cara e i danee sono la base della sopravvivenza. Uno dei modi di dire più usati è “Chi gh’ha danee fa danee”. Chi ha soldi fa soldi. Non fa una grinza ed è valido per qualunque altro luogo. La differenza è che qui le possibilità si moltiplicano e se sei in gamba, volenteroso e anche un po’ fortunato, di danee puoi ancora farne tanti.

Dedree: deretano.
Il sedere, tanto per capirci… Dedree letteralmente sta per “di dietro”. “Và che bèll dedree” è l’eccezione che conferma la regola del dialetto meneghino: è insolitamente meno volgare dell’italiano.

Did: dito.
I nomi delle dita delle mani non vengono tradotti tutti in dialetto. Solo quelli che possono essere identificati per qualche motivo. Ad esempio “pollice” si dice “didon” (ditone), mignolo si dice “didin” (ditino) e l’anulare l’è el “did sposin” (dito sposino, quello della fede nuziale). Le altre sono semplici dita infondo… E l’alluce? Ovviamente l’è el “didon del pee”! (ditone del piede).

Drizza: destra.
Totò e Peppino su questa parola sarebbero riusciti a costruirci uno sketch! “Và a drizza” (che si pronuncia drissa), con la mano che indica verso destra. “Dritto?” “Nò, a drizza!”. E sinistra non poteva certo essere una parola meno bizzarra: si dice “manzina”. Se vi dovesse capitare di perdervi a Milano, l’augurio è quello di non imbattersi in qualcuno che vi dia le indicazioni stradali in dialetto…

D come danee

Articolo precedenteGelateria Paganelli
Articolo successivoEnzo Jannacci

Leggi anche qui

Luca Beltrami, la sua mano in città

Luca Beltrami: decisamente uno dei personaggi più influenti della storia recente di Milano. Molto di ciò che in città...