fbpx

Caffè storici di Milano, quanta storia in una tazzina

Più letti

Quanti sono i caffè storici di Milano? Prima di rispondere a questa domanda è bene precisare che parliamo di locali per la maggior parte esistenti da più di un secolo ai cui tavoli si sono seduti personaggi noti che hanno fatto la storia della musica, dell’arte, della letteratura e della politica.

Caffè storici di Milano

Caffè Pasticceria Cova

Il più antico è il Caffè Pasticceria Cova, aperto nel 1817 da Antonio Cova accanto al Teatro alla Scala.  Frequentato da illustri personaggi quali Mazzini, Garibaldi, Boito, Verga e Verdi era il luogo di ritrovo dell’alta società e dei patrioti che caldeggiavano i moti delle Cinque Giornate di Milano. Oggi si trova in via Montenapoleone e continua a deliziare i suoi clienti con caffè e dolci di prima qualità.

Caffè storici di Milano - pasticceria Cova
Caffè storici di Milano – pasticceria Cova

Caffè Bistrot Savini

In Galleria Vittorio Emanuele ci sono altri due caffè storici inaugurati nel 1867: il Caffè Bistrot Savini e il Camparino. Il primo, nato come Caffè-Ristorante, era il luogo di ritrovo dell’aristocrazia milanese che qui si incontrava dopo aver assistito agli spettacoli del Teatro alla Scala o del Manzoni. Oggi è diviso su tre livelli separati: al primo piano il ristorante gourmet, al piano terra il bistrò e nel seminterrato la food boutique.

Il Camparino

Il Camparino, situato all’ingresso della Galleria con vista Duomo, è il tempio dell’aperitivo. Con il suo bancone realizzato dall’ebanista Quarti e i suoi lampadari firmati Muzzucotelli ha avuto tra i suoi frequentatori personaggi illustri quali Puccini, Verdi, Giacosa nonché Re Umberto I e Edoardo VII d’Inghilterra.

Caffè storici di Milano - camparino
Caffè storici di Milano – camparino

Ginrosa

Anche piazza San Babila custodisce uno storico caffè: il Ginrosa. Inaugurato come Bottiglieria del Leone all’indomani dell’Unità d’Italia, guadagna fama con l’invenzione dell’aperitivo Gin rosa, degno antagonista del rosso Campari, degustato e apprezzato dall’alta società milanese.

Caffè Pasticceria Villa

In piazzale Cadorna c’è il Caffè Pasticceria Villa, la cui inaugurazione risale al 1896. Gestito dai fratelli Villa si afferma presto per l’alta qualità dei suoi prodotti che, oggi come ieri, delizia i pendolari delle Ferrovie Nord.

Bar Magenta

Del primo decennio del Novecento sono il Bar Magenta e il Caffè Pasticceria Taveggia. Il Magenta, situato all’angolo tra via Carducci e corso Magenta, apre nel 1907. È uno dei locali più frequentati e famosi di Milano, dove i clienti sorseggiano un buon caffè al bancone circolare, adornato da rilievi in peltro ed argento in un ambiente dall’atmosfera decò.

Caffè storici di Milano - Bar Magenta
Caffè storici di Milano – Bar Magenta

Taveggia

Taveggia apre nel 1909 a Porta Venezia e si trasferisce in via Visconti di Modrone nel 1930. Un ambiente raffinato da caffè viennese, dove gustare un caffè accompagnato dagli squisiti marron glacé di loro produzione.

Bar Jamaica

Risale al 1911 l’apertura del Bar Jamaica in via Brera, che all’epoca si chiamava Ponte di Brera e che cambiò nome quasi trent’anni più tardi su ispirazione del film del ’39 “Jamaica Inn”. Frequentato da artisti e scrittori che qui si sentivano come a casa propria continua ad accogliere i suoi clienti come una grande famiglia.

Bar Motta

Stesso anno di apertura per altri due grandi caffè storici di Milano: il bar Motta e il caffè Pasticceria Cucchi che nel 1928 aprono per la prima volta le porte al pubblico. Il bar Motta, oggi presente in Galleria Vittorio Emanuele con vista su piazza del Duomo, venne fondato da Angelo Motta che lo fece arredare in chiave futurista, primo esempio del caratteristico bar italiano. Arredato in stile anni ’30 comprende la Terrazza Aperol al piano superiore.

Caffè Pasticceria Cucchi

Il Caffè Pasticceria Cucchi in corso Genova è un angolo di vecchia Milano arredato in stile anni ’50. Fondato nel ’36 dai coniugi Cucchi come “Caffè Concerto” offriva ai suoi avventori serate animate da un’orchestra spagnola, diventando presto uno dei ritrovi alla moda di Milano. Oggi come allora offre pasticceria di elevata qualità.

Torrefazione Hodeidah

In via Pero della Francesca nel 1946 apre la Torrefazione Hodeidah il cui nome deriva dal porto dello Yemen da cui un tempo salpavano le navi di caffè. Un’attività artigianale che consente di ottenere ottime miscele di caffè e singole qualità di arabica da degustare al bancone o da acquistare e portare via.

Pasticceria Caffè Gattullo

Ultimo tra i caffè storici di Milano è la Pasticceria Caffè Gattullo inaugurata in un piccolo locale nel 1961 in piazzale di Porta Ludovica. Presto la bontà dei suoi prodotti conquista i palati dei frequentatori che con il passaparola portano la pasticceria al successo. Negli anni Settanta la Pasticceria Gattullo diventa il ritrovo di personaggi famosi quali Renato Pozzetto, Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Jerry Scotti, Enzo Jannacci e Gianna Nannini.

Ultime

Ferragosto a Milano, cosa fare di diverso?

Ferragosto a Milano. Per scelta, per necessità, per esigenza: qualsiasi sia il motivo per cui vi trovate in città,...

Potrebbe interessarti