fbpx

San Paolo Converso, tra arte, musica, architettura e mostre

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...
- Advertisement -
- Advertisement -

San Paolo Converso è una chiesa sconsacrata situata all’incrocio tra corso Italia e piazza sant’Eufemia.

Nata come chiesa del convento della Congregazione delle Angeliche la sua costruzione iniziò nel 1549 e si protrasse per lungo tempo. La facciata barocca eseguita da Giovanni Battista Crespi, artista poliedrico che spaziava dalla pittura alla scultura all’architettura e conosciuto come il Cerano, venne completata nel 1619.

La volta di San Paolo Converso fu magnificamente affrescata da Giulio Campi che eseguì una finta architettura in prospettiva avente delle similitudini con il matroneo della chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore. L’affresco rappresenta l’Assunzione di Maria in Cielo.

Non da meno le pareti, dove vennero posti dipinti di pregio come quelli situati nel presbiterio che raffigurano la Conversione, il Battesimo, il Miracolo e il Martirio di San Paolo Apostolo ed eseguiti da Giulio e Antonio Campi. Ritroviamo il Cerano anche all’interno con la splendida e immensa tela raffigurante il Battesimo di Sant’Agostino.

Nonostante l’importanza delle opere anche San Paolo Converso subì il destino di molte altre quando, nel 1808, in età napoleonica, venne sconsacrata e destinata ad usi civili. Difficile da credere: venne trasformata in magazzino.

Nel 1932 venne eseguito un restauro conservativo degli affreschi e dell’aula che, dotata di un’acustica sopraffina, venne adibita a sala per concerti di musica sacra e, successivamente, a sala di incisione per registrazioni discografiche. Proprio qui ebbe sede “La Basilica”, lo studio di registrazione della PDU fondata da Vittorio Buffoli e Giacomo Mazzini, padre dell’immensa Mina, la tigre di Cremona.

Dal 2014 al 2019 San Paolo Converso è stata la sede dello studio di architettura Locatelli Partners che ha creato i suoi uffici in una cornice a dir poco suggestiva, inserendo una struttura in acciaio e vetro all’interno dell’aula del convento.

Oggi la ex chiesa di San Paolo Converso ospita la Fondazione Converso tramite cui vengono allestite mostre ed eventi. Se volete venire a vederla, e noi vi consigliamo vivamente di farlo, potrete farlo unicamente partecipando agli eventi organizzati dalla Fondazione… restrizioni vigenti permettendo…

san paolo converso
san paolo converso