fbpx
32 C
Milan
venerdì 7 Agosto

Week end 8-9 agosto a Milano: ecco cosa fare

Week end alla porte: un fine settimana d'agosto che offre diverse cose da fare. Se, lo ripetiamo per l'ennesima volta, può farvi piacere girare per...

Villa Annoni, meravigliosa e da non perdere!

Più letti

Week end 8-9 agosto a Milano: ecco cosa fare

Week end alla porte: un fine settimana d'agosto che offre diverse cose da fare. Se, lo ripetiamo per l'ennesima volta,...

Villa Borromeo a Cassano d’Adda, mani d’artista

Villa Borromeo: acque del naviglio, gente di fiume. Siamo in terra di villeggiatura della nobiltà milanese. Per secoli le maggiori...

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente...

Villa Annoni, dimora settecentesca circondata da uno splendido parco che nulla ha da invidiare a quello della Villa Reale di Monza se non per le dimensioni un po’ ridotte, si trova nel comune di Cuggiono.

Fu il Conte Giampietro Annoni sul finire del ‘700 ad acquistare i primi terreni in loco con l’intenzione di realizzare una tenuta agricola. La Villa Annoni venne costruita per volere del figlio Alessandro che, insieme all’edificio, volle anche un parco. Il progetto fu messo in mano allo Zanoja, architetto stimato e molto conosciuto tra le nobili famiglie milanesi.

Egli fece un capolavoro: progettò un giardino con gli elementi tipici del giardino paesistico all’inglese creando uno degli esempi più importanti dei parchi di epoca neoclassica lombarda. Qui, secondo la moda dell’epoca, vennero messe molte piante esotiche tra cui un cedro libanese, tuttora esistente, piantato nel 1809, che è entrato a far parte degli alberi monumentali della Lombardia.

Nel 1900 la Villa Annoni vide un cambio di proprietà, l’ultimo discendente della famiglia Annoni, Aldo, morì ed il fortunato erede fu suo cugino, il Conte Giampietro Cicogna Mozzoni. Il figlio Carlo apportò delle modifiche all’edificio che venne ingrandito con l’aggiunta di due ali simmetriche. Nel parco invece pensò di eliminare il laghetto artificiale interrandolo, inoltre creò una serra.

Un nuovo cambio di proprietà risale al 1947 e stavolta fu il senatore Pietro Bellora a stabilirsi a Villa Annoni purtroppo senza prendersene troppa cura, sostanzialmente lasciando il parco in uno stato di abbandono. Nel 1979 villa e parco vennero acquistati dal Comune di Cuggiono che, nel corso del tempo, con diversi interventi, sta riportando il complesso all’antico splendore.

Il parco di Villa Annoni è meraviglioso, non è cosa rara incontrare dei pavoni o dei fagiani dorati che girano liberi tra le distese verdi. Passeggiando tra i suoi viali si intravede un tempietto a colonne con volta affrescata sotto cui si trova il busto di Alessandro Annoni. Continuando a passeggiare si possono vedere la casa dei daini e quella dei caprioli, un tempo usate per allevare gli animali da lasciare liberi durante le battute di caccia, ma anche la coffee house dove si usava offrire agli ospiti della villa una tazza di tè o caffè.

All’interno di Villa Annoni, dal 2007, si trovano gli uffici comunali e sono custoditi diversi affreschi ispirati alle pitture romane pompeiane presenti nella Sala del Tempio o nella Sala dello Zodiaco. Nella parte posteriore della villa che affaccia sul parco si trova l’orangerie, uno dei pochissimi esempi di serre bioclimatiche in muratura presenti in Lombardia dove venivano collocate le piante esotiche nei mesi più freddi.

Villa Annoni è senz’altro un’ottima meta per una gita fuori porta a due passi da Milano dove rilassarsi all’aperto e godersi qualche ora di relax.

Villa Annoni
Villa Annoni

Leggi anche qui

Atelier Colla, il mondo delle marionette a Milano

Difficile abituarsi alle sorprese in questa città. Ormai lo sappiamo, dietro ad un portone può sempre rivelarsi qualche giardino...

Villa Borromeo a Cassano d’Adda, mani d’artista

Villa Borromeo: acque del naviglio, gente di fiume. Siamo in terra di villeggiatura della nobiltà milanese. Per secoli le maggiori famiglie della città fuggono dal...

Milano e all’improvviso il bivio

Sarà successo se non a tutti a molti: ritrovarsi su una strada mai fatta, solitamente in mezzo al niente ed arrivare ad un certo...