fbpx
32 C
Milan
domenica 24 Gennaio

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro di qualche minuto: sono talmente...

Palazzo Dugnani, la mano del Tiepolo

Più letti

Sbagliando si impara certo, ma…

Se dovessi contare quante volte ho sbagliato in quasi 50 anni sono certo che perderei il conto nel giro...

Palazzo Berri Meregalli, la magia dell’eclettismo milanese

Palazzo Berri Meregalli si trova all’angolo tra via Cappuccini e via Vivaio, non molto distante da Corso Venezia. E’ uno...

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Palazzo Dugnani: eccoci ai giardini Indro Montanelli.

Questa palazzo, o per meglio dire, la fontana proprio di fronte all’ingresso, è uno dei primi ricordi che ho dei giardini. Credo valga per tanti nati e cresciuti a Milano: la foto davanti a questa fontana è stata per molti un must. Certo, da piccoli non avremmo potuto immaginare cosa c’era oltre quella porta.

Fossimo arrivati qui a Milano sul finire del ‘700, ci saremmo trovati di fronte ad uno dei principali centri di gravità della città per cultura, arte e mondanità. Il palazzo nasce nel ‘600 a dire il vero, di proprietà della famiglia Cavalchini, niente di che.

Palazzo Dugnani, la mano del Tiepolo

Vendono ai Casati che nella prima metà del ‘700 costruiscono il palazzo vero e proprio. Lussuosissimo, per decorarlo chiamano il meglio sulla piazza, a cui si devono gli affreschi del Porta ed il salone da ballo, ancora oggi uno dei punti più alti del tesoro d’arte cittadino, la cui volta è affrescata nel 1732 dal Tiepolo.

I Dugnani entrano nella storia del palazzo nel 1753, comprando proprio dai Casati e dando così vita ad una delle dimore più splendenti e vive di Milano, fondando qui l’Accademia dei Fenici. Nel 1835 la proprietà passa ai Vimercati i quali, solo due anni dopo, ne fanno la sede della personale collezione naturalistica. E’ questo il primo embrione del Museo di Scienze Naturali.

Nel 1846 infatti tutto viene ceduto al comune, collezione compresa: Palazzo Dugnani diventa il Civico Museo di Storia Naturale, solo successivamente spostato nell’attuale sede. Splendido era anche il parco del palazzo che nel 1855 viene inglobato nei giardini pubblici.

Sede del Museo del Cinema, oggi ospita mostre di natura scientifica e non solo. E, oltre a queste, finalmente è possibile entrare e gustarsi i tanti capolavori.

Tiepolo ci aspetta, non facciamolo aspettare!

Palazzo Dugnani - foto di Steffen Schmitz
Palazzo Dugnani – foto di Steffen Schmitz

Leggi anche qui

Fortunago un borgo antico

Fortunago. Oggi ci addentriamo nell’Oltrepò Pavese alla scoperta di uno dei luoghi più pittoreschi e panoramici dell’intera zona.   In antichità...