fbpx
32 C
Milan
sabato 31 Ottobre

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da una famiglia benestante studia presso...

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Più letti

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di architettura scelto da Coima per la riqualificazione dell’ex Telecom tra via Melchiorre Gioia e via Bordoni.

Nel loro curriculum la Biblioteca Alexandrina in Egitto e Times Square a NY: insomma non proprio cosette. Qui si occuperanno oltre che di quanto scritto sopra, chiamato P35, anche dei portali di Gioia 20 e P39, per il milanesi, il Pirellino.

Ma cosa succederà ai palazzi che da anni vediamo passando da quelle parti? Per quel che riguarda P35 gli architetti hanno detto che è «un’opera la cui forza rivoluzionaria non sta nelle forme ardite o nell’eccentricità estetica ma nei materiali, nei dettagli e nel dialogo della città».  In buona sostanza, dovranno collegare tutto l’isolato alla biblioteca degli alberi, le ex Varesine e via Pirelli: una vera rivoluzione giacchè quei passaggi diventeranno pubblici e non più solo per coloro che lavorano lì.

Ci aspettano quindi cambiamenti radicali, con nuovi percorsi pedonali ed anche corsi d’acqua che onestamente non vedo l’ora di vedere.

E, giusto per non essere banali, non ci sarà una fronte ed un retro, ma due facciate. What else?

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39
Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39

Leggi anche qui

Milano, nuovi grattacieli all’orizzonte

Milano, città in continua evoluzione che si rinnova e trasforma, che si migliora e conserva, che guarda sempre avanti...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI CANI, mostra del fotografo siciliano...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente acquistare direttamente in un cantiere...