fbpx

Meet, la casa della cultura digitale. E non solo

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Meet è il nome della casa per la cultura digitale. E non solo.

Siamo in viale Vittorio Veneto e dove fino a poco tempo fa avremmo trovato lo Spazio Oberdan, grazie al supporto della Fondazione Cariplo oggi abbiamo un luogo di incontro fisico e virtuale dedicato alle opportunità culturali ed espressive.

«Non è solo una sede espositiva, Meet, aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00, è un laboratorio creativo aperto a tutti coloro che, in Italia e nel mondo, cerchino una piattaforma capace di progettare e produrre format digital-first e farli rimbalzare ovunque», sono le parole di  Maria Grazia Mattei, fondatrice e presidente Meet.

Anche il sindaco Sala ha voluto esprimere un pensiero: «Non so cosa ci sia di più milanese del Meet: le sue caratteristiche sono tante ma l’idea dell’apertura internazionale, culturale e digitale sono alla base del progetto e di quello che Milano vuole essere»

meet
meet

 

 

 

spot_img