fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Le Milanesi tornano sulle pagine di Mi-Tomorrow

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Elisabetta Piselli
Elisabetta Piselli
Amo da sempre le parole, mi piace sceglierle, dosarle e scriverle. Mi occupo di Digital Pr e Ufficio Stampa. Scrivo da anni sul blog di Milano da Vedere, dove amo raccontare le emozioni che mi trasmette la città. Scrivo anche su Mi-Tomorrow. Organizzo, per Milano da Vedere, l'evento Se Parla Milanes, che ogni anno diventa più grande e più bello...

Riparte giovedì il mio editoriale “Le Milanesi” su Mi-Tomorrow. Dall’ultima milanese raccontata sono passati sette mesi.

E nel mentre è cambiato il mondo che conoscevamo. Ma non è cambiata la forza delle donne. In questi mesi, anzi, è stato ancora più evidente quanto importante siano il nostro apporto, il modo di guardare alle cose, la nostra capacità di adattarci ai cambiamenti, la nostra fantasia e la nostra allegria.

Abbiamo lavorato, gestito la scuola online dei nostri figli, cucinato…disinfettato, dispensato sorrisi e amore.
Le Milanesi oggi sono più forti di prima e quelle che racconterò vogliono essere la conferma che noi donne siamo esseri unici e speciali.

Le storie che presenterò vogliono essere un ringraziamento a tutte quelle milanesi che non potrò raccontare, per tutti i sacrifici fatti, per la stanchezza accumulata, per i desideri personali messi da parte per accontentare quelli delle persone amate, per i conti fatti la sera quando tutti dormono, per le lacrime versate in silenzio, per i baci e gli abbracci trasmessi solo con gli occhi. A tutte voi, grazie di cuore.

Milano senza di voi, senza di noi, non sarebbe la città unica e meravigliosa che è. E per ripartire c’è bisogno della nostra fantasia, della passione e della sensibilità che vive in ognuna di noi.

Care Milanesi che in questo momento mi leggete durante un attimo di pausa dalla vostra vita frenetica, sappiate che mi siete mancate e che sarò felice di farvi di nuovo compagnia durante i vostri viaggi in metropolitana, attraverso le pagine di Mi-Tomorrow.

Le Milanesi tornano sulle pagine di Mi-Tomorrow - foto di photophonico
Le Milanesi tornano sulle pagine di Mi-Tomorrow – foto di photophonico

Leggi anche qui

Luigi Cagnola, l’Arco della Pace e non solo

Luigi Cagnola nasce a Milano il 9 giugno 1764. Studia all’Università di Pavia e si laurea in diritto civile. Intraprende...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...