San Biagio, in dialetto San Bias lo si festeggia il 3 febbraio. Tutti (o quasi) i milanesi sanno che per questa giornata va tenuta una fetta di panettone.

 

Se ci fosse qualcuno che si domanda il perchè di questo “avanzo natalizio” è presto detto: San Biagio è il protettore di gola e naso e la tradizione milanese vuole che si mangi una fetta di panettone proprio oggi per conservarsi in salute.

La storia del Santo è travagliata: nato e vissuto in Armenia venne catturato, torturato ed ucciso dai romani, ancora pagani, perchè rifiutava di rinnegare Gesù Cristo. E proprio mentre la sua fine stava per arrivare, ecco il miracolo: salvò un bambino che aveva in gola una lisca di pesce e rischiava di morire soffocato.

Curioso, questo sì, sapere che San Biagio era un uomo di chiesa, ma anche un medico.

Ad ogni modo, oltre che mangiare la fetta di panettone, celebriamo San Biagio con una poesia!

SAN BIAS

Oramai, chì a Milan,
el sann tucc anca i giavan,
che in febrar, quand l’è ‘l dì trii
el provèrbi el dis inscì:

“Quand l’è ‘l dì del nòst San Bias
benedis la gola e ‘l nas”
e la stòria e ‘l sò perché
tutti sann come che l’è:

ona lisca infilada…
in la gola trapassada…
del fiolin…, de la soa mama…,
già savii ‘me l’è la trama,

che poeu el Sant, pròppi lì in strada
col miracol l’ha cavada.
‘Dèss ve cunti on’altra stòria
(voo on poo a spann e on poo a memòria).

El legamm con la città
l’è rivaa on poo pussee in là,
dis ‘na stòria paisana
che ona dòna popolana

on quai dì prima di fèst
de Natal e tutt el rèst
l’ha portaa al convent di fraa
on bèll dolz pèna sfornaa:

l’era pròppi on panatton
tutt faa-sù in d’on fagotton,
l’ha portaa, beh se capiss,
perché ‘l fraa le benediss.

Desideri, mì me par,
fuss el nòmm del portinar
che imboscaa el panatton
dis inscì col sò voson:

“Lassél chì che tra on quai di
v’el doo indree già benedii”
Fatto sta che ‘sto fraton
l’era pròppi on goloson,

l’ha taccaa a pizzigà
‘sta montagna de bontà
e in del gir d’on quai minutt
ècco che l’ha mangiaa tutt.

Quand la dòna l’è tornada
per fass dà la soa infornada,
ècco che lì in sul porton
se presenta el goloson

cont in man el sò fagòtt
ma con denter pù nagòtt
e intrattant ch’el se scusava
el miracol succedeva:

ècco che in del fagotton
l’è compars on panatton
con sorpresa general
gròss trè vòlt l’original.

L’era el tèrz dì de febrar,
l’era on dì particolar
e ‘l miracol l’è staa inscì
che a San Bias gh’hann tribuii.

Nass inscì la traduzion
de mangià el panatton
che a Natal èmm piantaa lì
col paccià ch’èmm faa a mezzdì.

san biagio ed il panettone
san biagio ed il panettone