fbpx
32 C
Milan
sabato 8 Maggio

L’orazion d’on meneghin

Più letti

La sera l’è già chì, tra on poo l’è nòtt
e ven-sù dal Navili la scighera
che col sò vèll la quatta-giò in d’on bòtt
tutt quèll che se fa incontra, in la manera
de trasformà Milan in d’on scartòzz
pien de nostalgia, pien de tusscòss.

Se pizzen i primm ciar in su la Riva,
la gent la se ritira già in di cà,
la sbassa-giò la clèr la privativa,
se veden i bottegh illuminaa…
Pien de sabbia, de gera e de carbon
hinn ‘dree rivà a Milan i ultim barcon;

scarlighen sul Navili silenzios,
je guida el barchiroeu col sò timon;
se sent ona canzon cantà sòttvos
e te se streg el coeur in d’on magon,
ona canzon che hoo imparaa anca mì
che canti quand son soll, indepermì:

‘’ Quand el mè coeur el se fa-sù in l’arlia,
quand stròzzen i penser, i mè magon,
quand sta lontan de Tì, Madòna mia,
mì gh’hoo pù nanca on minim d’illusion,
te preghi, guarda giò ‘sto meneghin,
dagh ona man e stagh semper vesin!’’

 

Leggi anche qui

Zona Colonne, facciamo un poco di chiarezza

Un'espressione che si legge ogni tanto sui giornali "ieri sera in zona colonne..". Ma cosa c'è da queste parti...