fbpx

Giovanni d’Anzi, il compositore di “O mia bela Modonina…”

Più letti

Giovanni d’Anzi è stato un grande musicista e compositore, conosciuto per aver scritto i versi della canzone più famosa di Milano per antonomasia:

“O mia bela Madunina che te brillet de lontan
Tuta d’ora e piscinina, ti te dominet Milan
Sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man
Canten tucc “lontan de Napoli se moeur”
Ma po’ i vegnen chi a Milan”

Nato a Milano il 1° gennaio 1906 si avvicina presto al mondo della musica attraverso lo studio del pianoforte con cui si esibisce e si afferma, arrivando poi a dirigere l’orchestra Moretti. La svolta importante nella sua vita avviene nel 1925, quando viene notato da Lydia Johnson, famosa ballerina e cantante di varietà russa.

Giovanni d’Anzi diventa il suo pianista e il suo compagno e la segue nelle tappe della sua tournée. A Parigi, per una coincidenza fortunata, si trova a dirigere l’orchestra più celebre del varietà parigino, la sera del debutto di Lydia al Concert Maylor. Successo e fama immediati gli procurano lavoro e soldi.

Giovanni d’Anzi, il compositore di “O mia bela Modonina…”

Nel 1927 torna a Milano e mentre si esibisce come pianista nei sotterranei del teatro Trianon avviene la seconda svolta importante della sua vita: conosce Alfredo e Alberto Curci che lo scritturano per la loro casa editrice come autore di canzoni. È qui che viene scritta “La Modonina” che subito viene inserita nello spettacolo del teatro Trianon.

L’autore viene chiamato al’EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche) e compone una serie di canzoni che riscuotono grande successo tra cui “Ma le gambe” , “Signorina grandi firme”, “Ma l’amore no”, “Bellezze in bicicletta”. Firma anche numerose musiche da film.

Giovanni d’Anzi muore improvvisamente il 15 aprile 1974, in una clinica di Santa Margherita Ligure per infarto. Riposa presso l’edicola Palatini al cimitero Monumentale di Milano, dove sono collocate le spoglie di diversi cittadini celebri.

Milano ricorda la figura indimenticabile della storia della canzone italiana nella via a lui dedicata in zona Niguarda. Noi, invece, lo omaggiamo così:

La Madonina

A diesen la canzon la nass a Napuli
E certa cament g’han minga tutti i tort
Surriento, Margellina tucc’i popoli
I avran cantà on milion de volt
Mi speri che se offendera nissun
Se parlom un cicin anca de num

O mia bela Madunina che te brillet de lontan
Tuta d’ora e piscinina, ti te dominet Milan
Sota a ti se viv la vita, se sta mai coi man in man
Canten tucc “lontan de Napoli se moeur”
Ma po’ i vegnen chi a Milan

Ades ghè la canzon de Roma magica
De Nina er Cupolone e Rugantin
Se sbaten in del tever, roba tragica
Esageren, me par on cicinin
Sperem che vegna minga la mania
De metes a cantà “Milano mia”

O mia bela Madunina che te brillet de lontan
Tuta d’ora e piscinina, ti te dominet Milan
Si vegni senza paura, num ve songaremm la man
Tucc el mond a l’è paes e semm d’accord
Ma Milan, l’è on gran Milan!

 

HTML tutorial