venerdì,19 Luglio,2024
HomeCuriositàGiardino segreto di via Terraggio, un tesoro nascosto dietro un portone

Giardino segreto di via Terraggio, un tesoro nascosto dietro un portone

Un giardino segreto in città? Ebbene sì. Milano sorprende sempre. A coloro che vogliono scoprirla veramente, rivela tesori nascosti sconosciuti ai più. Il giardino segreto di via Terraggio è uno di questi.

Si trova dietro un portone grigio al civico 5 che, per quanto inusuale, è un luogo pubblico racchiuso dalle case, quasi fosse un giardino privato.

Stiamo parlando di un luogo antico: nel 1486 venne donato insieme all’attiguo palazzo, tuttora chiamato Casa Medici, da Gian Galeazzo Maria Sforza e Ludovico Il Moro a Lorenzo De’ Medici che, recandosi periodicamente a Milano, aveva bisogno di un alloggio degno del suo rango.

Nel corso del tempo Casa Medici venne trasformata in un complesso monastico, poi in caserma. Nel refettorio lo scorso secolo aprì il cinema Orchidea che andò avanti con la sua programmazione fino al 2009, quando chiuse definitivamente.

Giardino segreto di via Terraggio

Attualmente l’edificio è in fase di ristrutturazione. I lavori hanno riportato alla luce un prezioso affresco risalente al XVII secolo, per cui il progetto originario è stato modificato in uno spazio polifunzionale, dove si può ammirare la recente scoperta.

Il giardino segreto è un vero incanto, un angolo di mondo dove potersi rilassare tra piante di fico, cachi, susine, magnolie, olmi e oleandri.

Rimasto chiuso per 70 anni è stato riaperto al pubblico nel 2001 per volontà del consiglio di zona 1 e degli abitanti del quartiere.

Il giardino segreto di oggi non è, ovviamente, lo stesso donato a Lorenzo De’ Medici. L’evoluzione urbanistica ha circondato il luogo con case private, creando uno spazio che, a primo colpo d’occhio, sembra a tutti gli effetti un giardino condominiale. Ma così non è: il giardino privato di via Terraggio è di proprietà comunale e come tale appartiene a tutti. Anche se nascosto dietro ad un portone.

A tal proposito

Più letti