fbpx
32 C
Milan
venerdì 18 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Santi Cosma e Damiano alla Scala

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

La chiesa dei Santi Cosma e Damiano alla Scala, indicata anche dei Santi Cosma e Damiano dei Romani, non esiste più.

L’avremmo trovata dove oggi possiamo ammirare il Teatro dei Filodrammatici: venne infatti abbattuta, dopo essere stata sconsacrata due anni prima, nel 1798. C’è da dire che per un centinaio di anni la facciata del teatro era… quella della chiesa!

Le prime testimonianze scritte della sua esistenza le troviamo in una lettera del 881 ed in seguito nel 1381 quando a detta degli scritti, diventa parrocchia.

Non era molto grande e si dice fosse anche parecchio trascurata. Intorno alla metà del 1600 venne ristrutturata da cima a fondo: ancora una volta la mano fu quella del Richini anche se esistono progetti di altri architetti. Quel che è certo è che la facciata non venne mai realizzata.

In questa chiesa, come in tante altre, passò San Carlo Borromeo e per la sua visita si prese nota di quel che c’era: una solo navata con abside poligonale. Dopo i lavori che iniziarono di lì a poco si decise di invertire il senso, ingrandire la chiesa aggiungendo cinque cappelle.

Nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano alla Scala avremmo potuto vedere un olio su tela del Nuvolone, pale d’altere del Legnanino ed un altro olio su tela del Batoni. Non male, eh?

Chiesa dei Santi Cosma e Damiano alla Scala
Chiesa dei Santi Cosma e Damiano alla Scala

 

Leggi anche qui

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio,...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...