fbpx
32 C
Milan
mercoledì 12 Agosto

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il cui significato è pianta di...

Ulrico Hoepli, una via da leggere

Più letti

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio,...

Ulrico Hoepli, editore svizzero nato a Tuttwil nel 1846, è ricordato perché lasciò un segno importante nella storia della nostra città stabilendo la sua libreria e la sua casa editrice in via De Cristoforis.

 

Nato in una famiglia contadina cominciò presto a lavorare come apprendista presso una farmacia di Winterthur, ma questa non era la sua strada, Ulrico Hoepli amava i libri e la cultura e, grazie ai suoi genitori, poté seguire le sue passioni recandosi a Zurigo per imparare il mestiere di libraio.

Appreso il lavoro cominciò a viaggiare per il mondo e ad impiegarsi come libraio in diverse città fra cui Trieste e il Cairo. Nel 1870 arrivò a Milano e Milano lo accolse a braccia aperte: qui acquistò la libreria Laengner in galleria De Cristoforis e, intuendo il successo che ne sarebbe derivato, diede inizio alla sua fortuna.

Nel giro di poco tempo la borghesia colta milanese cominciò a frequentare la libreria che diventò un luogo di incontro e scambio intellettuale. Un anno dopo l’inaugurazione Ulrico Hoepli affiancò alla vendita dei libri un’attività editoriale indirizzandosi verso la produzione di volumetti rilegati a basso costo, dando vita ai primi Manuali Hoepli che spiegavano in modo semplice agli artigiani autodidatti le conoscenze tecniche più avanzate.

Fu un ottimo investimento che incise in maniera importante sull’intero fatturato. Ma non fu l’unico: Ulrico Hoepli puntò anche sulla produzione di libri per l’infanzia e periodici di moda e costume per signore, ma anche sulla vendita di antichi volumi di pregio e di rare e preziose bibliografie. Inoltre, Ulrico Hoepli, ebbe modo di conoscere i ceti dirigenti dello Stato e, da uomo abile e capace, seppe trarne profitto in termini di vantaggi e committenze.

Nel 1930 durante i festeggiamenti per i suoi sessant’anni di permanenza a Milano Ulrico Hoepli donò alla città il planetario e l’inaugurazione venne fatta alla presenza di Benito Mussolini per il cui partito fascista l’editore pubblicò una grande opera in 12 volumi: Scritti e discorsi di Benito e Arnoldo Mussolini che diede ossigeno in un momento di crisi dell’impresa.

Nel corso della sua vita si distinse come mecenate: nel 1911 istituì a Zurigo la Fondazione Hoepli creata per sostenere le istituzioni e le iniziative di pubblica utilità nel campo delle scienze e delle arti in Svizzera, nel 1922 donò alla città la Biblioteca popolare Ulrico Hoepli.

Negli ultimi anni della sua vita, non avendo avuto figli, predispose di lasciare la società ai nipoti che lavoravano con lui già da tempo. Morì nel gennaio del 1935 prima di vedere il trasferimento della vecchia sede della galleria De Cristoforis alla nuova in via Berchet.

Leggi anche qui

Bollate: una pozza d’acqua o una betulla?

Bollate: oggi ci dirigiamo verso il Parco delle Groane nella zona a nord ovest di Milano e arriviamo nel...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se perdo la caparra. Non ho...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio, spiegando che ad esempio, grazie...