fbpx
32 C
Milan
sabato 15 Agosto

Strani numeri su alcuni palazzi di Milano

Dobbiamo tornare indietro di qualche secolo, durante la dominazione austriaca per spiegare questi strani numeri. Che a dirla tutta, una volta che si conosce...

TIBB: Tecnomasio Italiano Brown Boveri

Più letti

Strani numeri su alcuni palazzi di Milano

Dobbiamo tornare indietro di qualche secolo, durante la dominazione austriaca per spiegare questi strani numeri. Che a dirla tutta,...

Palazzo Salis a Tirano

Palazzo Salis: per vederlo dobbiamo arrivare in provincia di Sondrio, per la precisione a Tirano. Una graditissima sorpresa ci aspetta...

Urbanistica tattica: cambiano le piazze di Milano

Ridisegnare i quartieri sperimentando l'urbanistica tattica: è questo il progetto che sta partendo all'Isola, tra il parco Munari ed...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Tecnomasio Italiano Brown Boveri: ecco il responsabile del nome della fermata Lodi TIBB. Ma andiamo con ordine.

Il Tecnomasio Italiano fu fondato a Milano nel 1871. Obiettivo: la produzione di generatori di corrente e motori elettrici. Acquistato nel 1903 dalla svizzera Brown Boveri, si espanse nel crescente settore dei tram e ferrovie.

Nel 1919 la TIBB acquistò l’impianto di Vado Ligure della Società Italiana Westinghouse che qualche anno prima aveva avviato la produzione di una locomotiva elettrica trifase, capace di trainare convogli molto pesanti sulla linea dei Giovi ( da qui il soprannome: il mulo dei Giovi ) Con questa acquisizione la TIBB continuò a produrre locomotive soprattutto per le ferrovie delle Stato.

Dopo aver partecipato con la SAE alla elettrificazione della linea del Brennero, la Tecnomasio Italiano Brown Boveri iniziò la produzione delle locomotive a corrente continua.

Con la fine della seconda guerra mondiale usciranno dagli stabilimenti della TIBB le motrici delle metropolitane romane e milanesi.

Con la fine del ‘900 la società si fuse con la Asea, dando vita dal gennaio del 1900 alla ABB Trazione fino ad arrivare, dopo altre fusioni al maggio 2001 con il nome di Bombardier Transportation Italy

Tecnomasio Italiano Brown Boveri
Tecnomasio Italiano Brown Boveri

Leggi anche qui

Sant’Agostino, chiesa piccola ma affascinante

Sant'Agostino la troviamo in via Lanzone si distingue per la sua incredibile discrezione: piccola e modesta, non deve però...

Palazzo Salis a Tirano

Palazzo Salis: per vederlo dobbiamo arrivare in provincia di Sondrio, per la precisione a Tirano. Una graditissima sorpresa ci aspetta tra le montagne della Valtellina....

Urbanistica tattica: cambiano le piazze di Milano

Ridisegnare i quartieri sperimentando l'urbanistica tattica: è questo il progetto che sta partendo all'Isola, tra il parco Munari ed il parco dell'asilo. Una nuova...