Un salto nel rinascimento

0
6767

All’improvviso, un salto nel rinascimento. Ci ritroviamo in un giardino che ha tutta l’aria romantica di un giardino all’inglese con l’edera che abbraccia ruderi di archi, muri e colonne.

Nulla di tutto ciò però è artefatto anzi: in questa casa, un tempo splendida dimora rinascimentale, è passato il meglio della Milano Sforzesca.  Qui  l’8 marzo 1459 nasce  Bernardino Corio battezzato 8 giorni dopo alla presenza de “il conte Galeazzo, puoi duca di Milano, il signore Ruberto Sanseverino, il conte Gasparo de Vimerchato, Pietro de Pusterla, Cicho Simonetta, primo segretario ducale, Thomasio da Bologna, et Antonio Guidobono, nobile derthonese”; insomma siamo in una delle case milanesi più importanti del rinascimento e meglio frequentate.

A partire dal 1474 Bernardino presta servizio a corte con Galeazzo Maria Sforza prima e Gian Galeazzo poi. Serve infine il Moro assumendo vari incarichi pubblici. Prima di dedicarsi completamente ai suoi studi storici su Milano, pubblicando la sua Patria Historia, nel 1503.

La sua casa, splendido esempio di architettura rinascimentale, è centrata dalle bombe nel 1943 e completamente distrutta. Ne restano i ruderi, richiamo affascinante a quella città in cui passeggiavano gli Sforza, il Bramante e Leonardo da Vinci.

Per chi volesse goderselo dal vivo, faccia un salto in via S.Agnese (tra corso Magenta e la Cattolica)


Milano (è) da vedere

Seguici su Facebook.

Articolo precedentePalazzo Giureconsulti
Articolo successivoSan Carlo al Corso
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi tuo commento
Scrivi tuo nome