ambrosiana
ambrosiana

Pinacoteca Ambrosiana: più milanese di così! Eppure, spesso ci si confonde o non si hanno le idee abbastanza chiare sulla meraviglia che qui vi vogliamo raccontare.

 

Partiamo dalla biblioteca, o per meglio dire la Veneranda Biblioteca Ambrosiana.  Fu Federico Borromeo a volerla: diede incarico di raccogliere stampe e manoscritti che sarebbe stati messi dove Lelio Buzzi e Francesco Maria Richini stavano costruendo questo nuovo edificio. Pochi anni dopo, nel 1611 Fabio Mangone ricevette incarico di aggiungere due saloni per l’Accademia e le raccolte d’arte.

La Pinacoteca Ambrosiana arriva dopo la Biblioteca

Due secoli dopo Giacomo Moraglia sacrificò la chiesa di Santa Maria della Rosa per realizzare il cortile che a sua volta nel 1923 venne trasformato nella sala di lettura.

La Biblioteca Ambrosiana fu tra le prime a dar modo a chiunque di poter entrare in contatto con una quantità di manoscritti e stampe: l’unica condizione era quella di saper leggere e scrivere. Oggi ospita oltre un milione di stampe, quarantamila manoscritti in tante lingue oltre ad incisioni, mappe, disegni. Qui, tra gli altri, troviamo il Codice Atlantico.

La Pinacoteca Ambrosiana fu fondata nel 1618 e fu sempre Federico Borromeo a dare il buon esempio: donò la sua collezione di statue, dipinti e disegni.

Oggi in queste incredibili 24 sale possiamo ammirare le opere di geni indiscussi quali Caravaggio, Leonardo, Raffaello, Tiziano, Botticelli. E non solo: oltre ai nomi conosciuti da tutti, alla Pinacoteca Ambrosiana possiamo gustarci opere di Procaccini, Crespi, Nuvolone, Tiepolo, Londonio, Hayez solo per citarne alcuni.

Pinacoteca Ambrosiana: le meraviglie non finiscono

E se pensate sia finita qui ( e basterebbe, credeteci) vi sbagliate. Camminare nelle sale dell’Ambrosiana, vuol dire anche vedere cose incredibili, come i guanti che Napoleone indossò a Waterloo o la ciocca di capelli di Lucrezia Borgia.

E’ uno di quei luoghi che Milano conserva forse troppo gelosamente, come se avesse paura di farsi conoscere per quello che è davvero: una incredibile città d’arte.

A questa veloce descrizione, aggiungiamo prima di chiudere, il resoconto di un esperimento che abbiamo condotto due anni fa. Durante una serata del nostro aperitivo storico a cui erano presenti più di 100 persone, abbiamo mostrato le fotografie di alcune delle opere che qui abbiamo citato: foto di quadri che l’Ambrosiana ospita.

Scorrendo sullo schermo, abbiamo appositamente citato gli autori ed abbiamo appositamente detto che per vedere queste meraviglie saremmo dovuti andare al Louvre di Parigi. Pochissime le persone che ci hanno guardato storte, e tante, forse troppe quelle che si sono meravigliate quando abbiamo confessato che possono essere viste a pochi passi dal Duomo.

Non vi resta che fare un bel giro alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano. 

pinacoteca ambrosiana
pinacoteca ambrosiana
Articolo precedenteNuovo anno a Milano: cosa ci aspetta?
Articolo successivoSmog, scattano i primi divieti
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

4 Commenti

  1. […] Andiamo ora in perlustrazione per Vaprio a scoprire cosa c’è di interessante da vedere. Sicuramente l’antica Chiesa di San Colombano del XII secolo dove i bassorilievi, i capitelli e le figure zoomorfe evidenziano lo stile romanico. Ma anche la chiesa parrocchiale dedicata a San Nicolò Vescovo dove si trovano alcuni affreschi di Natale Riva, allievo di Hayez. […]

Comments are closed.