Casa Toscanini

1
4306

Oggi passiamo a trovare il maestro Toscanini, o per meglio dire dove abitava.

Siamo nel cuore di Milano, in via Durini e certo non si può non notare questo piccolo palazzo. A farla da padrone è sicuramente il balcone, alla andalusa, che rende decisamente unica casa Toscanini.

E’ un palazzo di origine settecentesca e fedele al barocco, come certo si nota appena varcato il portone d’ingresso. Qui troviamo un bellissimo cancello in ferro battuto che riprende il balcone centrale alla andalusa, anch’esso in ferro battuto elaboratissimo e molto più simile ad un baldacchino, unico esempio simile in tutta la lombardia.

Qui ci si poteva fissare un bel tendaggio e godersi il pomeriggio al riparo dal sole, ma sempre al centro dell’attenzione. Sarà per questo forse che il Maestro Arturo Toscanini sceglie il palazzo per farne la sua casa. Vive qui per quasi quarant’anni, come ricordano le targhe in facciata, quasi sempre ignorate dai più.

E a pochi passi ecco anche la Sua chiesa. Una di quelle chiese che noi amiamo in modo particolare. Difficile da trovare aperta, purtroppo (salvo cambiamenti dalla nostra ultima visita all’interno 6 mesi fa) in condizioni non proprio ottimali. Qui il Maestro veniva spesso. Quando si dice casa e chiesa…con l’aggiunta di tanta, tanta incredibile musica.

NB. Il video che appare all’inizio della pagina non è di questi giorni, ma realizzato circa 2 anni  fa.


www.milanodavedere.it

www.facebook.com/milanodavedere

Articolo precedenteGenova e Picasso
Articolo successivoCapodanno a Milano
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi tuo commento
Scrivi tuo nome