fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Che ore sono? Sembra quasi una domanda d’altri tempi

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Che ore sono? Ma soprattutto, quando è stata l’ultima volta che avete fatto questa domanda o ve l’hanno rivolta?

Se anche voi siete tra coloro che non hanno mai particolarmente amato gli orologi da polso, saprete bene che fino ad una ventina d’anni fa poteva capitare di essere in giro e, non sapendo l’ora precisa bisognava chiedere a qualcuno oppure scrutare all’orizzonte per trovare un campanile oppure uno degli orologi pubblici sparsi per la città.

E proprio di questi ultimi vorremmo parlare oggi: ce ne sono ancora diversi in città, non tutti proprio precisissimi, ma dal centro alla periferia, li troviamo ancora con il loro classico colore verde, le lancette nere su sfondo bianco.

Spulciando via internet abbiamo trovato un dato, anche se non aggiornatissimo: nel 2009 erano 1534 gli orologi pubblici milanesi. Non sappiamo quanti di questi, 11 anni dopo, siano ancora al loro posto e funzionanti, ma la domanda che ci facciamo è se servano ancora o meno.

Abbiamo iniziato dicendo che alcuni di noi l’orologio da polso non lo amano particolarmente, ma immaginiamo che tra tutti coloro che non lo portano, più del 90% abbiano il cellulare sempre in tasca. E tra le tante funzioni dei nostri smartphone, l’orologio è una di quelle. Quindi tutti sappiamo sempre l’ora. Certo, ogni tanto possiamo rimanere senza batteria, ma…

Gusto estetico a parte, la funzione dell’orologio pubblico forse oggi ha esaurito il suo corso. Certo, ci sembrerà strano non vederli più in giro e sapere che non ci potremo più appoggiare al loro palo per mandare un messaggio o leggere le email, ma allo stesso tempo pensiamo che si potrebbe sfruttarli per qualcosa di diverso.

La buttiamo lì, non essendo dei tecnici: e se diventassero dei punti da dove parte il segnale wi-fi per la rete cittadina? Prima di lasciare la parola agli esperti, una domanda: che ore sono?

che ore sono
che ore sono

Leggi anche qui

Bev a garganèlla, non si usa quasi più eppure…

Bev a garganèlla, ovvero bere a garganella. Facile no?   Garganella temiamo sia una parola non proprio usatissima ai giorni nostri....

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...