fbpx
32 C
Milan
mercoledì 12 Agosto

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il cui significato è pianta di...

Aggiungi un posto a tavola

Più letti

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio,...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Aggiungi un posto a tavola, che c’è un amico in più… no, non mi do al canto, ma ad una considerazione, visto e considerato che l’ho provato sulla mia pelle. O quasi.

 

Sarete tutti al corrente del fatto che, in seguito alle restrizione ed al distanziamento sociale, il comune di Milano ha dato modo ai locali di occupare spazi che, fino all’anno scorso erano come dire… improponibili.

E la città ha reagito come sempre a suo modo, chiedendo ed ottenendo (spesso) le autorizzazioni necessarie per dar modo ai clienti di essere alla giusta distanza gli uni dagli altri in un contesto sicuramente diverso.

Leggo oggi tanti post ed articoli al riguardo che mi danno la sensazione che tutto sommato gli avventori abbiano risposto in modo positivo. Come dicevo io stesso, settimana scorsa, in occasione dell’aperitivo storico da Tripburger, ho parlato dio fronte ad un bel gruppo di persone comodamente sedute…. sulle strisce gialle, il posto auto dei residenti per intenderci.

Un modo diverso di vivere la città in un momento sicuramente ancora particolare. Strano, forse è il termine migliore. Un periodo ed una situazione, quella dei tavoli in strada, lungo i marciapiedi e per le vie che a Milano stiamo vivendo noi milanesi, visto che, almeno per quel che posso aver visto io, di turisti in giro ce ne sono ancora pochini (uso pochini perchè mi piace essere ottimista).

Voi cosa ne pensate di questa Milano da bere… strada facendo?

 

Leggi anche qui

Palazzo Gorani – quel che ne rimane

Palazzo Gorani: non cercatelo, non c'è più. Ne è rimasta solo una parte. Significativa, ma solo una parte. La...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se perdo la caparra. Non ho...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio, spiegando che ad esempio, grazie...