fbpx
32 C
Milan
lunedì 18 Gennaio

Niente sigaretta siamo milanesi: pensiero di un fumatore

La notizia non è certamente nuova: giusto un anno fa se ne parlò come di un provvedimento che sarebbe entrato in vigore da lì...

Castello di Jerago, una fortezza inespugnabile

Più letti

Niente sigaretta siamo milanesi: pensiero di un fumatore

La notizia non è certamente nuova: giusto un anno fa se ne parlò come di un provvedimento che sarebbe...

Casa Galimberti, quel liberty che tutti ammirano

Casa Galimberti è una delle più interessanti e originali opere del liberty milanese. Situata all’angolo tra via Malpighi e...

Finalmente domenica: oggi chi si muove!

Molti di voi avranno visto il film Fantozzi va in pensione. Una delle scene che mi ha sempre fatto...

Castello di Jerago, maniero difensivo risalente al XII secolo, si trova nella provincia di Varese sotto il comune di Jerago con Orago.

E’ una delle più grandi e meglio conservate fortezze del varesino che si erge sopra un colle da cui domina tutta l’area circostante. Secondo fonti scritte, nel 1248, l’arcivescovo di Milano Ottone Visconti assegnò il feudo di Jerago a suo fratello Gaspare e suo nipote Pietro.

La sua posizione era strategica: dominava la Valle dell’Arno ed aveva una visuale diretta sul Castello di Orago a est e su quello di Besnate a sud-ovest. La sua costruzione inespugnabile: mura alte e maestose rese ancora più imponenti dall’assenza di torri che facevano desistere chiunque avesse avuto intenzione di espugnarlo. Tra le sue mura trovò riparo la popolazione quando, nel 1402, con la morte di Gian Galeazzo Visconti, si creò una situazione instabile che favorì violenti assedi del feudo.

Nei pressi del Castello di Jerago si trova l’oratorio di san Giacomo che conserva porzioni di affreschi quattrocenteschi. In uno di questi si intravede la figura di un uomo inginocchiato di fronte alla Madonna che potrebbe essere Guido Visconti. Vi è infatti un’iscrizione che riporta il suo nome in latino Guidetus de Vicecomitibus ed anche lo stemma visconteo sul lato del trono della Madonna.

I Visconti di Jerago intrecciarono le loro vite con i Visconti di Milano attraverso il matrimonio celebrato nel 1417 tra Antonia Visconti di Jerago e il celebre capitano Carmagnola e, successivamente, con il matrimonio tra Elisabetta Visconti di Jerago e Cicco Simonetta.

Nel 1751 morì l’ultimo discendente della famiglia Visconti di Jerago e il feudo passò agli austriaci. Alla fine del XVIII secolo il castello venne acquistato dalla famiglia Bossi-Anguissola che apportò delle modifiche trasformando la fortezza in una residenza signorile. Affrescarono i soffitti, crearono un giardino e due terrazze, diedero luce al lato sud con l’apertura di alcune finestre.

Oggi il Castello di Jerago è una residenza privata che apre le sue porte in occasione di eventi e matrimoni.

Castello di Jerago
Castello di Jerago

Leggi anche qui

Taleggio, un po’ di storia e una ricetta sfiziosa

Taleggio, formaggio a denominazione di origine protetta, nasce nell’Alta Bergamasca, probabilmente già nel corso del Medioevo, quando veniva prodotto...