fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Castello di Cavernago, nel borgo omonimo a due passi da Bergamo

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...

Castello di Cavernago, antica residenza familiare, si trova nel piccolo borgo omonimo situato in provincia di Bergamo ad una quindicina di chilometri dal capoluogo orobico.

Il castello di Cavernago nasce su un antico fabbricato di cui si parla in un atto di compravendita del 1234, dove il prete Redulfo di Ghisalba acquista la proprietà da Salvo di Bellobon per conto del Capitolo di Bergamo.

I preti si dedicano a coltivare le terre e ad apportare qualche miglioria all’abitazione presente sulla proprietà. Poco più di un secolo dopo i canonici vendono terreni e casa a Guglielmo Assonica e sarà un suo successore a cedere nuovamente tutto quanto a Bartolomeo Colleoni nel 1470.

Non avendo figli maschi alla sua morte gli succedono i generi Giacomo, Gherardo e Gaspare che si erano sposati a Caterina, Ursina e Isotta, tre delle cinque figlie del Colleoni che combatterono al suo fianco come capi squadra in diverse battaglie. Donne che sapevano il fatto loro, non c’è dubbio, e che portarono in dote il loro cognome oltre ai loro possedimenti.

E’ quindi Gherardo ad aggiudicarsi il podere di Cavernago e, dopo quattro generazioni, suo nipote Francesco Martinengo Colleoni costruisce il castello come lo vediamo oggi. Uomo d’arme e ingegnere militare al servizio dei Savoia, combatte a Malta contro i turchi di Solimano sotto la bandiera della Serenissima. E proprio Venezia è fondamentale per la costruzione dell’interno del castello dal momento che qui il Colleoni trova un disegno fatto dal Sansovino, grazie a cui viene edificato lo splendido grande cortile con doppio loggiato proprio come lo vediamo oggi.

Alla fine del XIX secolo la famiglia Martinengo Colleoni si estingue e il castello passa nelle mani di diversi proprietari fino ad arrivare ad un periodo di totale decadenza e abbandono coincidente con la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Rilevato dai Principi Gonzaga di Vescovato oggi il castello di Cavernago viene usato come location per matrimoni dove, una volta oltrepassato il portale sormontato dalla bellissima aquila marmorea, si entra nella corte quadrata completamente affrescata che regala un’atmosfera magica e suggestiva insieme al giardino bucolico.

Castello di Cavernago
Castello di Cavernago

Leggi anche qui

Simbolo di Milano: stravince la Madonnina, ma…

Simbolo di Milano: qualche tempo fa vi abbiamo chiesto quale fosse secondo voi. Sono arrivati tantissimi commenti e, come era...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...