fbpx
32 C
Milan
sabato 19 Settembre

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è il nome dello studio di...

Simmenthal, sulle nostre tavole da decenni

Più letti

Snøhetta, P35, Gioia 20 e P39: ecco qualche parola più semplice

Snøhetta, un nome che onestamente non so pronunciare. Ma la mia ignoranza non interessa in questa sede: questo è...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Simmenthal: un nome che tutti conosciamo. Tutti l’abbiamo visto almeno una volta al supermercato o su una tavola, pronta per essere “aperta”

E’ un nome a cui mi sono abituato fin da piccolo: no, non perchè mi venisse data da mangiare al posto degli omogeneizzati, ma perchè era anche il nome della squadra di pallacanestro di Milano, quella che oggi chiamiamo Olimpia. Mio padre da ragazzo giocò proprio in quella squadra e spesso si ricordavano qui momenti.

Credo, ma non non sono sicurissimo, di aver appreso solo dopo che oltre al basket Simmenthal corrispondesse anche alla carne in scatola. Già: quella scatoletta che la apri, metti il contenuto su un piatto, aggiungi due fogli di insalata, prendi la forchetta e voilà! Pranzo, cena o spuntino pronti.

Questa l’immagine che ricordo delle pubblicità: semplice ed evidentemente efficace. La ricordo a casa dei miei, ma credo di averla assaggiata solo da adulto.

Ma come nasce la Simmenthal? Fu il signor Pietro Sada, un cuoco, che per primo ebbe l’idea di conservare la carne di pollo in lattina. Provò e riprovò fino a quando riuscì, bollendo la carne ed aggiungendo sale e cloruro di calcio, ad ottenere quello che si era messo in testa. Siamo, ops, eravamo in zona San Babila e correva l’anno 1886 quando il signor Sada chiese la licenza per produrre “conservazioni di carni di pollo e selvatici”.

Si deve però aspettare il 1923 quando Gino Alfonso, figlio di Pietro, creò il marchio Simmenthal: carne lessato con gelatina. Tutti ricordiamo la mucca presente sulla confezione: ecco, sappiate che era una vacca svizzera, precisamente della valle del Simmen…

Da allora di scatolette ne sono state vendute chissà quanti milioni: l’azienda dopo essere passata nella mani della Kraft, nel 2012 torna “italiana” con la Bolton Alimentari.

Qualunque supermercato frequentiate, la Simmenthal è lì, sullo scaffale, pronta per essere messa nel carrello. Ricordatevi però anche la foglia di insalata

Simmenthal
Simmenthal

 

Leggi anche qui

Palazzo Clerici lasciatevi sorprendere ancora una volta

Palazzo Clerici: vi portiamo in centro, ma dove non si passa spesso L'ingresso da una via che è poco più di...

Sant’Agnese, la giovane con l’agnello in braccio

Sant’Agnese, via poco distante dall’Università Cattolica di Milano e dalla Basilica di Sant’Ambrogio, è stata una santa romana martirizzata all’età di 12 anni durante...

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta

Da Milano in autobus: consigli per una gita fuori porta Milano rappresenta la capitale economica del nostro Paese ed è considerata la città della moda...