fbpx
32 C
Milan
mercoledì 3 Marzo

Lugano: cosa vedere quando la si visita per la prima volta

Prendere la macchina e fare una gita nei dintorni di Milano o addirittura in Svizzera. Quanto ci manca poter fare tutto questo in maniera...

Castel Goffredo, la città della calza

Più letti

Lugano: cosa vedere quando la si visita per la prima volta

Prendere la macchina e fare una gita nei dintorni di Milano o addirittura in Svizzera. Quanto ci manca poter...

Campione d’Italia, una perla a meno di un’ora da Milano

Sono diversi i motivi per cui Milano tocca il cuore e non lo abbandona più. Tra questi, rientra la...

Una chiesa che… non se ne vuole andare

Siamo in via San Giovanni sul Muro: a poca distanza corso Magenta e, dalla parte opposta, Cairoli. Camminando lungo questa...

Castel Goffredo si trova nella zona alta della provincia di Mantova non molto distante dal confine con la provincia di Brescia.

I primi insediamenti risalgono all’età del bronzo a cui seguirono quelli etruschi e romani. Il primo documento scritto che cita Castel Goffredo risale al 1107, quando il borgo apparteneva alla contea di Brescia.

Passato sotto la protezione di Mantova e dei Gonzaga tra il 1337 e il 1466 vide l’alternarsi di diverse dominazioni tra cui quella dei Visconti, dei Malatesta, della Repubblica di Venezia e dei Gonzaga.

Con Alessandro Gonzaga diventò un feudo imperiale autonomo trasformandosi in Marchesato e rimanendo sotto la famiglia mantovana fino al 1707, quando gli austriaci occuparono la cittadina saccheggiandola e prendendo in ostaggio alcuni abitanti.

Nel 1797, con l’arrivo di Napoleone Bonaparte, Castel Goffredo passò sotto il dominio francese. Seguirono anni di alternanza di poteri tra francesi e austriaci fino al 1866 con l’affermazione di questi ultimi.

Nel 1925 aprì il NO.E.MI., il calzaturificio che diede una svolta economica e industriale a Castel Goffredo che oggi viene chiamato anche “città della calza” per la consistente produzione di calze da donna, collant e filati.

Il cuore della città è la rinascimentale piazza Mazzini su cui si affacciano il palazzo Gonzaga-Acerbi, la Torre Civica, la chiesa di Sant’Erasmo, il Palazzo Municipale e i portici, dove si trovano le attività commerciali.

Palazzo Gonzaga-Acerbi, residenza di tutti i signori che nel corso del tempo si avvicendarono nel governo della città, risale al 1350. In origine era formato da due strutture separate: il palazzo del Vicario e l’edificio comprendente il Torrazzo che vennero successivamente uniti e rimaneggiati a più riprese.

La Torre Civica, parte della prima cinta muraria di Castel Goffredo, è considerata il simbolo della città e risale al XIII secolo. La chiesa di Sant’Erasmo è stata edificata nella seconda metà del ‘400 ed è collocata asimmetricamente rispetto all’asse della piazza.

Sotto i portici del trecentesco Palazzo Municipale si trova la Loggia delle Grida dove un tempo si riuniva la “vicinia” a discutere delle faccende comuni.

Castel Goffredo è un altro splendido gioiello della provincia lombarda che, se verrete a dare un’occhiata, saprà sorprendervi. Segnate in agenda!

Castel Goffredo
Castel Goffredo

Leggi anche qui

Conosciamoci meglio: per fortuna l’abbiamo fatto!

Conosciamoci meglio: una serata dedicata alle buone notizie. Ed è stato bello esserci.   Giovedì 5 dicembre presso la sede delle...