fbpx
32 C
Milan
lunedì 1 Marzo

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata alle più grandi artiste vissute...

Un’ombra al posto del nome

Più letti

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata...

Olimpiadi 2026: un patto per promuovere le eccellenze a Km0

Mancano 5 anni alle Olimpiadi Milano Cortina 2026. Fondazione Milano Cortina e Confcommercio Lombardia e Veneto hanno siglato un protocollo...

Riqualifica giardino teresa Pomodoro in piazza Piola

Piazza Piola si trasforma: 21 alberi di ciliegio e undici panchine, oltre ad un nuovo percorso pedonale sono infatti...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Ho sempre scritto che, quando si gira per le città, Milano nel nostro caso, bisogna sempre stare attenti ai dettagli, a guardare con attenzione quello che incontriamo strada facendo. A volte ho proprio sottolineato che bisogna girare come dei turisti.

In questi giorni ho però fatto una cosa diversa, vi confesso involontariamente: ho girato Milano come milanese, inteso come persona che vive qui e da anni gira per le vie e le piazze, dal centro alla periferia.

E quello che ho notato, vi confesso anche questo, mi ha un po’ turbato. Sapete quando ci si aspetta qualcosa, ma fin quando non lo si vede, non lo si prova, rimane solo tra le sensazioni?

Ecco quella sensazioni si è trasformata in una brutta realtà. Mi riferisco al fatto che girando qua e là ho visto tante saracinesche abbassate. E non per il fatto che siamo in zona rossa e quindi non possono aprire. Si capisce quando quella saracinesca è abbassata… per l’ultima volta.

Ma quello che proprio a livello visivo mi ha fatto davvero male è aver visto l’ombra delle insegne: quel bordo nero lasciato sul muro da un nome che non c’è più. L’ho documentato tante volte parlando della storia di Milano, ma essere parte di questa storia, è decisamente pesante.

Non so se siamo nel mezzo della pandemia o grazie ai vaccini siamo verso la fine di questo periodo così tragicamente assurdo. Non lo so e non sono in grado di fare previsioni di nessun tipo. So però che tante cose sono cambiate da 12 mesi a questa parte. Voglio convincermi del fatto che molte saranno migliori, ma ci sono giorni in cui questa mio ottimismo vacilla. Ho però consapevolezza che tante cose saranno diverse da come le conoscevo. Ci saranno tante ombre, non solo sui muri della città.

ombra
ombra

 

Leggi anche qui

Cittadella del Teatro alla Scala: rivoluzione in partenza?

Cittadella del Teatro alla Scala: un programma ambizioso che potrebbe davvero cambiare radicalmente l'aspetto di una parte della nostra...