fbpx
32 C
Milan
venerdì 5 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

Zona Colonne, facciamo un poco di chiarezza

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Un’espressione che si legge ogni tanto sui giornali “ieri sera in zona colonne..”. Ma cosa c’è da queste parti oltre ad una scatenata movida serale?

Lasciamoci via Torino alle spalle e tenendo la sinistra arriviamo dopo pochi passi davanti ad uno dei monumenti più conosciuti di Milano: le Colonne di San Lorenzo. Uno spettacolo unico quello che le colonne offrono insieme alla Basilica. Questa è una zona che è molto cambiata nel corso dei secoli ed anche un centinaio di anni fa avremmo trovato una situazione davvero differente. Fermiamoci un secondo a fare il classico gioco da turista del conteggio delle colonne (quante sono? ….avete contato bene bene??), portiamo i nostri saluti a Costantino che troviamo proprio lì ed ammiriamo questa basilica tanto copiata in giro per l’Europa.

Da qui non possiamo non notare Porta Ticinese: avvicinandoci notiamo bene i lavori di restauro anche recenti, ma l’effetto scenico, anche senza l’acqua che le passa davanti, è davvero imperdibile. Adesso una nota, che come sempre causerà tumulti e contrasti: questa che vedete qui è quella che i milanesi chiamavano Porta Cicca, NON quella di piazza XXIV Maggio.

Sappiamo di dare una delusione a molti, sappiamo che altri non saranno d’accordo, ma la storia è questa: cicca deriva dallo spagnolo e con la convivenza con il milanese ha preso come significato quello di ” piccola, caruccia (inteso come carina)”; proprio quello che è questa porta, piccola e carina. Non enorme come l’altra in darsena.

Attraversiamo la strada e portiamoci davanti alla chiesa che vedete sulla destra: si sprecano le immagini di questo punto nei siti che raccontano la Milano che non c’è più: qui, dove oggi vedete la preferenziale, scorreva l’acqua….tornerà? Staremo a vedere. La chiesa ad ogni modo è Santa Maria della Vittoria.

Proseguiamo su via De Amicis, poche decine di metri ed entriamo, sperando sia aperto, dentro il portone del civico 17: qui potete vedere subito il museo archeologico e poi spostarvi dentro il cortile per vedere i resti dell’Arena romana. I pannelli che trovate vi daranno un grosso aiuto per poter immaginare quanto potesse essere grande.

Ultima nota: qui saremmo stati fuori dalla mura e l’arena, così come lo stadio, era appunto fuori dalla città. I motivi? Sempre gli stessi, lungo la storia: evitare problemi in città.

colonne
colonne

Leggi anche qui

Cristoforo Colombo a Milano senza Caravelle

La statua di Cristoforo Colombo a Milano c'è, ma non è dove probabilmente ci si aspetterebbe di trovarla.   Vista la...