fbpx
32 C
Milan
venerdì 22 Gennaio

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma è dietro l'angolo della storia....

Bramante, Foppa e Solari, tutti in una sola via

Più letti

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...

Battistero di San Vittore ad Arsago Seprio

Anche la Lombardia ha il suo campo dei miracoli. Alla meraviglia del rinascimento pisano, la nostra regione contrappone il...

Vermezzo con Zelo, un comune giovanissimo

Vermezzo con Zelo è un comune della provincia milanese situato nell’area sud ovest nei pressi di Abbiategrasso.Si tratta di...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Partiamo dal Carrobbio e imbocchiamo via del Torchio e quindi  via Lanzone.

Pochi passi ed ecco sulla nostra sinistra Palazzo Visconti: costruito sul finire del ‘500 e probabilmente opera di Giuseppe Meda, venne praticamente distrutto durante la seconda guerra mondiale. Si salvò solo la facciata: ancora oggi possiamo notare 14 busti marmorei. Il gioco è riconoscerli tutti…

Poco più avanti un edificio di metà ‘900 che ha preso il posto del palazzo dei Panigarola, una delle più interessanti residenze nobiliari di questa zona. Proprio in questo palazzo, distrutto anch’esso durante la guerra, avremmo trovato quegli affreschi bramanteschi che oggi ammiriamo alla Pinacoteca di Brera.
Dall’altro lato della strada il liceo Alessandro Manzoni che dal 1913 sostituisce il monastero di San Bernardino. Ad onor del vero, la demolizione del monastero non fu la sola: venne cancellata anche la chiesa esterna; si salva invece quella interna che possiamo ammirare ancora oggi: San Bernardino alle Monache.

Costruita a metà del ‘400 ed attribuita a Pietrantonio Solari, venne pesantemente restaurata nel 1922. All’interno è possibile ammirare una serie di affreschi di notevole importanza, molti dei quali di scuola foppesca e lombarda.

via Lanzone san Bernardino alle monache
via Lanzone san Bernardino alle monache

 

Articolo precedenteCome faccio a partecipare?
Articolo successivoMitarotonda, musica dal 1888

Leggi anche qui

San Gottardo in Corte, un gioiello all’ombra del Duomo

San Gottardo in Corte, nascosta quasi del tutto da palazzo Reale,  è un gioiello di indubbia bellezza. Arrivando in piazza del...